C’è ancora speranza per Cardano?

Da quando la tanto attesa hard fork di Cardano (CRYPTO:ADA) Alonzo – ovvero un cambiamento radicale nel protocollo di una blockchain il 12 settembre, che ha permesso l’auto-esecuzione di accordi programmabili (contratti intelligenti) sulla sua blockchain – gli investitori hanno scaricato le monete ADA native della rete. Infatti, il valore di ADA è sceso di circa il 25% dai suoi massimi storici del mese scorso.

Come dice il vecchio detto degli investitori, “compra le voci, vendi le notizie”. Guardando indietro, era chiaro che il fork di Alonzo era un tale evento. Ma ora che le notizie sono state vendute, è il momento di guardare avanti e scoprire se c’è una ripresa in arrivo.

Mancanza di fondamentali

Con gran parte delle sue prospettive già raggiunte nel suo market cap di 70 miliardi di dollari, ora è il momento per Cardano di essere all’altezza delle sue aspettative. Purtroppo, i progetti di Cardano sono ancora nella loro infanzia.

I primi cinque progetti software peer-to-peer (applicazioni decentralizzate, o dApps) in sviluppo sulla sua rete sono:

  • Piattaforma di scambio peer-to-peer di criptovalute (scambi decentralizzati, o DEX) ADAX
  • Mercato dell’arte digitale (token non fungibili, o NFT) THEOS
  • Cardax, uno scambio decentralizzato per diversi tipi di token Cardano

Mercato NFT CNFT.io

Indigo Finance, che permette il commercio di beni del mondo reale come le azioni Tesla sulla blockchain Cardano La maggior parte di questi progetti sono impostati per il lancio alla fine del 2021 o 2022. Ma il più promettente è CNFT.io, che è già attivo. Il volume di trading sulla piattaforma ha recentemente superato le sei cifre al giorno.

Tuttavia, molti scettici sostengono che ci vorrebbero anni prima che questi servizi giustifichino l’altissimo market cap di ADA – ma non è necessariamente così.

Non del tutto un azzardo

È importante notare che mentre il valore fondamentale dei suoi progetti è carente, non sarebbe così difficile per Cardano recuperare il ritardo. Prendiamo il caso di OpenSea.io, un mercato NFT costruito sulla blockchain Ethereum. Nell’ultimo anno, il volume delle transazioni è passato da quasi nulla a oltre il 3,4 miliardi di dollari al mese.

Poi, c’è DEX Uniswap, che è anche costruito sulla blockchain Ethereum. Il volume del trading di criptovalute sulla piattaforma ha superato i 900 milioni di dollari al giorno, anche se Uniswap è entrato in funzione solo alla fine dell’anno scorso.

Infine, le piattaforme di prestito e prestito di crypto ispirate da Ethereum, come Aave, hanno visto oltre 18 miliardi di dollari di depositi totali durante lo stesso periodo. In questo momento, la rete Cardano è molto più veloce, consuma meno energia e fa pagare meno tasse di Ethereum.

Quest’ultimo punto è particolarmente importante, poiché può costare centinaia di dollari sulla blockchain di Ethereum per eseguire contratti intelligenti, come comprare e vendere NFT o prendere in prestito un bene. La tassa di transazione di base sulla rete Cardano è circa il 97,3% più bassa.

Di conseguenza, Cardano avrà molte opportunità di monetizzare il suo vantaggio tecnologico su Ethereum nel prossimo anno. Inoltre, gli sviluppatori di Cardano hanno recentemente raggiunto una partnership con Chainlink.

L’accordo permetterebbe ai contratti intelligenti di Cardano di collegare la loro esecuzione ai dati del mondo reale come i prezzi, i modelli meteorologici, i risultati delle elezioni, le transazioni dei consumatori, gli indicatori economici e altro ancora, proprio come questi dati sono incorporati nelle clausole dei contratti regolari.

Pertanto, prenderei in considerazione l’acquisto della promettente moneta utilizzando una piccola quantità di capitale.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.