2017 Vs 2020 in crypto: qualche possibilità di replicare il “successo”?

Non è un grande segreto che molte persone stanno cercando di confrontare la situazione attuale del mercato delle criptovalute con il fenomeno che abbiamo visto nel 2017. Allora, in ottobre, il prezzo di BTC era 2 volte più basso e ICO aveva reso il mercato super attraente per i truffatori (così come DeFi ora). Dobbiamo davvero essere pronti per un rally a partire da ora?

A mio parere, il confronto tra il 2017 e l’attuale situazione del mercato delle criptovalute non è del tutto corretto. Ci sono una serie di ragioni a questo riguardo.

Se ricordiamo il 2017, allora i principali partecipanti al mercato erano per lo più trader privati – appassionati di criptovalute, speculatori, che hanno accelerato il prezzo del Bitcoin entro la fine dell’anno. Il principale motore della crescita del Bitcoin a quei tempi era l’effetto FOMO, l’effetto della perdita di profitti, in altre parole, l’avidità e la paura di perdere i profitti in eccesso. Oggi la situazione è radicalmente diversa, poiché lo stesso mercato della criptovaluta è cambiato. Il mercato è diventato più maturo, oggi soddisfa i criteri del mercato tradizionale delle attività finanziarie in quasi tutti gli aspetti. Ne nominiamo alcuni.

Il numero dei partecipanti, soprattutto quelli istituzionali, è cresciuto; ai trader privati si sono aggiunti fondi, società di gestione, banche e altre istituzioni finanziarie.

Oggi sul mercato esiste anche una grande varietà di derivati: un gran numero di futures e opzioni.

Il numero di scambi e la loro infrastruttura è cresciuto in modo significativo.

Tutti questi fattori hanno contribuito alla crescita della liquidità sul mercato e, come sappiamo, maggiore è la liquidità, minore è la volatilità. Questo è esattamente ciò che ha caratterizzato il mercato nel 2017: l’alta volatilità dei prezzi. Oggi, molto probabilmente non vedremo più la volatilità del bitcoin come nel 2017. Pertanto, la dinamica del prezzo del Bitcoin nei prossimi mesi sarà diversa rispetto al 2017.

Un modello caratteristico del Bitcoin quest’anno è stato il raggiungimento di un certo livello psicologico e il consolidamento attorno ad esso, seguito da una svolta verso l’alto. Per molti versi, i fattori determinanti per il prezzo del Bitcoin saranno esterni: lo sviluppo della seconda ondata della pandemia e il programma di incentivi per combatterla, così come le elezioni presidenziali negli Stati Uniti. In generale, possiamo dire che questi fattori avranno un effetto positivo sul valore della prima criptovaluta, in quanto molti investitori usciranno dagli asset a rischio e cercheranno un’alternativa per investire.

Se parliamo delle prospettive di Bitcoin per i prossimi 2-3 anni, noi di EXMO le vediamo indubbiamente positive. Vi chiederete: perché abbiamo tanta fiducia? Perché vediamo l’adozione del Bitcoin come un mezzo di pagamento e come un asset di investimento.

Il periodo post-Covid sarà significativamente diverso dal periodo precedente. Per combattere le conseguenze economiche della crisi causata dalla pandemia, le banche centrali ricorreranno a una serie di misure di stimolo, una delle quali sarà il deprezzamento delle valute nazionali. In questo contesto, il Bitcoin, con il suo modello deflazionistico, sarà un’ottima alternativa al risparmio, anche per le famiglie.

Tuttavia, la raccomandazione principale per investire in maniera diversificata è quella di ripartire l’importo dell’investimento in più parti, investire in correzioni abbastanza profonde e non farsi influenzare da avidità e paura. È possibile che già nel 2021 il prezzo del Bitcoin superi i 20.000 dollari.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.