Borsa di criptovalute statunitense interrompe il trading di XRP in seguito alla causa della SEC

Uno dei principali exchange di criptovalute con base negli Stati Uniti ha interrotto tutti gli scambi di XRP nella sua piattaforma in seguito alla causa intentata dalla SEC (Securities and Exchange Commission) nei confronti di Ripple Labs.

La borsa PayBito, che ha processato 1,1 miliardi di USD di operazioni in 24 ore fino al momento in cui è stata pubblicata, intende sospendere il trading di tutte le coppie di XRP, come è stato annunciato il 18 febbraio. Storicamente, quattro coppie di trading XRP sono state disponibili su PayBito, con scambi XRP/USDT che si dimostrano i più popolari.

In modo particolare, la chiusura del trading non influisce sulle partecipazioni degli utenti, e quelle con monete possedute sullo scambio possono ancora trasferirle fuori dalla sua piattaforma, ha detto Raj Chowdhury, managing director di PayBito:

“La nostra decisione della chiusura del trading di XRP sicuramente non influirà sull’accesso ai nostri utilizzatori a fattori quali la wallets e la sicurezza, consentendo loro di effettuare trasferimenti di XRP dal proprio wallets ad altre borse”.

PayBito ha affermato che continuerà a controllare la disputa giudiziaria in corso tra la SEC e Ripple Labs, lasciando intendere che potrebbero essere ripristinati gli scambi di XRP a causa dell’esito del processo.

A dicembre 2020, la SEC ha depositato una causa contro Ripple Labs, affermando che la compravendita di monete XRP ha violato le leggi sui valori mobiliari. Ripple Labs ha continuato a negare le dichiarazioni e da allora ha richiesto che la SEC spieghi perché XRP è considerato un titolo, quando Ether (ETH) non lo è. I responsabili della SEC hanno affermato pubblicamente in precedenza che le monete quali Bitcoin (BTC) ed Ether sono state sufficientemente deconcentrate in modo da non costituire un’emissione di sicurezza.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.