Chainlink è il prossimo Ethereum?

Il cripto sembra che possa andare fino in fondo, ma la sua traiettoria può essere modificata dagli investitori che prendono i profitti

Chainlink (LINK) sta andando assolutamente parabolico ultimamente – sparando oltre i 18 dollari prima di scendere a 16,88 dollari al momento della scrittura – ed è ora il quinto più grande cripto, secondo CoinMarketCap.

Che cos’è Chainlink?

Secondo il suo website è un “quadro di riferimento per la costruzione di reti decentralizzate di oracoli che danno al vostro contratto intelligente l’accesso a dati sicuri e affidabili in ingresso e in uscita”.

Troppo da elaborare?

Secondo Charles Hayter, CEO e co-fondatore della piattaforma di tracciamento CryptoCompare, la mette in termini profani: “Chainlink è al suo interno un mezzo per colmare il divario tra il mondo delle blockchain e il mondo esterno”.

Numerosi osservatori si aspettano che il crypto aumenti esponenzialmente fino a raggiungere almeno 100-200 dollari in questo ciclo, con alcune proiezioni molto ottimistiche che arrivano fino a 1.000 dollari, almeno a lungo termine. Molti sperano che la sua azione sui prezzi rispecchierà il rapido e sorprendente apprezzamento di Ethereum nell’encierro del 2017.

Ma è questo il momento di comprare, o gli investitori devono aspettare una correzione?

Alcuni investitori temono che la sua drammatica ascesa – a partire da meno di 2 dollari al fondo del crollo di Covid-19 a marzo – possa essere insostenibile e che abbia ottenuto dei profitti.

Secondo un rapporto del Cointelegraph, il loro scetticismo può essere giustificato.

Gli investitori Chainlink potrebbero essere “sempre più incerti nel suo prolungato rally”, secondo la risorsa di analisi a catena Santiment, che ha riferito che anche se non c’erano “molti indicatori ribassisti o segni di una cima imminente” per LINK a partire dalla scorsa settimana, questo potrebbe non essere più il caso.

La quantità di depositi LINK negli scambi criptati ha raggiunto il massimo storico (ATH) di 8,2 milioni di dollari, lo stesso giorno in cui il gettone ha raggiunto un prezzo di circa 15 dollari. I detentori di LINK potrebbero spostare i loro gettoni nelle borse per ottenere profitti, dato che l’ultima volta che è stato registrato un token di triidrato di alluminio per questa metrica il prezzo era di 4,51 dollari, il più alto del token in quel momento, ha riferito il Cointelegraph.

Secondo Santiment, anche l’età media del dollaro investito da LINK è “in picchiata”, il che indica che i detentori di titoli a più lungo termine hanno iniziato a prendere profitti.

Il 13 agosto Santiment ha pubblicato il 13 agosto che il numero di indirizzi attivi giornalieri era di 20.800, cinque giorni dopo il triestino di 22.600.

A dispetto di questi segnali, LINK non ha ancora perso il suo slancio, anzi, ora ha una capitalizzazione di mercato di oltre 6 miliardi di dollari.

Nuovi investitori come Dave Portnoy di Barstool Sports, che di recente è diventato un cripto-convertito dopo l’incontro con i gemelli Winklevoss, potrebbero attirare un notevole interesse.

Cosa c’è dietro il rally LINK?

Il prezzo del LINK è salito di oltre il 124% solo nelle ultime due settimane, fino al suo prezzo attuale da 7,74 dollari il 31 luglio.

Numerosi fattori potrebbero aver contribuito al LINK rallying a nuovi massimi storici, dalla compressione dei contratti short sul mercato dei futures alla domanda più recente da parte dei coltivatori che cercano di mettere le mani sui gettoni YAM – prima che il gettone si abbattesse oggi, ha riferito il Cointelegraph.

Una delle storie più strane che sono emerse durante il rally LINK ha coinvolto Zeus Capital. La società d’investimento ha cercato di spaventare gli investitori e, a quanto pare, ha offerto pagamenti criptati agli influencer di Twitter per postare commenti negativi su LINK. Perché avrebbe dovuto farlo? Si ritiene che l’azienda abbia una posizione corta e massiccia sul token.

Copertura di Newsweek

Uno dei fattori che contribuiscono all’ascesa di LINK è l’aumento della consapevolezza del mainstream. Newsweek l’ha portata all’attenzione di milioni di potenziali investitori in un articolo pubblicato il 13 agosto: “Mentre il bitcoin rimane la forza dominante nella crittovaluta, una nuova offerta chiamata Chainlink sta guadagnando terreno – entrando nella top five in termini di market cap e godendo di un’impennata di attenzione nella comunità online”.

Google Trends

Un altro segnale di crescente interesse da parte del pubblico si trova su Google Trends. Esiste una correlazione consolidata tra i numeri di ricerca di Good Trends e l’azione futura dei prezzi di un crypto. Il grafico di ricerca Chainlink sottostante mostra una forte traiettoria ascendente.

È davvero dubbio che Chainlink possa replicare la performance stellare dell’Ethereum nell’encierro del 2017 – è passato da diversi dollari a 1.450 dollari prima di cadere di nuovo a terra. È un atto estremamente difficile da seguire, ma se continua sulla sua traiettoria attuale, sarà certamente uno dei migliori interpreti di questo ciclo.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.