Il prezzo del Bitcoin è sceso del 3%

A causa della crescente pressione normativa sui cambi di criptovalute in Cina e Hong Kong, il prezzo del Bitcoin questa settimana è sceso del 3%.

Il prezzo del Bitcoin (BTC) è sceso di oltre il 3% negli ultimi due giorni. La flessione della criptovaluta dominante è dovuto alla crescente pressione normativa in Cina e Hong Kong.

Cronologia del FUD di cambio nell’ultimo mese

Il 16 ottobre la borsa dei futures Bitcoin OKEx ha sospeso i prelievi dopo che uno dei suoi key holder privati è stato arrestato.

Appena 17 giorni dopo, è emersa la speculazione che Huobi, una borsa con sede a Singapore e un ufficio a Hong Kong, potrebbe dover affrontare pressioni normative dopo che i dati hanno mostrato massicci prelievi di Bitcoin e Tether il 2 novembre.

Tuttavia, Huobi Global ha riaffermato che lo scambio funziona normalmente e che i depositi e i prelievi stanno “funzionando come previsto”.

Oggi Reuters ha riferito che le autorità di regolamentazione di Hong Kong proporranno che tutte le borse valori criptovariabili siano regolamentate e chiederanno una licenza della Securities and Futures Commission, o SFC, in contrapposizione al precedente approccio opt-in, che molte borse si sono rifiutate di fare.

Si tratta di un anno dopo che il governo di Hong Kong ha rilasciato le regole per gli scambi di criptovalute. Ashley Alder, amministratore delegato della SFC, ha dichiarato il 3 novembre:

“Questa è una limitazione significativa, perché secondo l’attuale quadro legislativo, se un operatore di piattaforma è davvero determinato a operare completamente al di fuori dei radar di regolamentazione, può farlo semplicemente assicurando che i suoi beni criptati scambiati non rientrino nella definizione legale di sicurezza”.

“Possiamo dichiarare concluso il periodo felice del Bitcoin”.

Nonostante la sottile formulazione della dichiarazione della SFC, gli esperti del settore hanno affermato che si tratta essenzialmente di una dichiarazione per porre fine alla fase migliore del Bitcoin. Leo Weese, il co-fondatore dell’Associazione Bitcoin di Hong Kong, ha affermato:

“Con le voci di più funzionari di scambio cripto arrestati in Cina e la mossa di Hong Kong di rendere illegale il commercio (alias licenza), possiamo dichiarare il periodo felice del Bitcoin. Se pensate che il Bitcoin prenderà piede, compratelo ora, finché siete ancora in tempo”.

Kelvin Koh, un partner della società di investimento di criptovalute con sede in Asia, Spartan Group, ha detto che il tempismo non è una coincidenza. Viene dopo il lancio pilota del sistema di pagamento elettronico di valuta digitale cinese, che ha già elaborato oltre quattro milioni di transazioni. Koh ha così spiegato:

“Il tempismo dei provvedimenti di repressione degli OTC e dei cambi cinesi non è una coincidenza. Il governo della Repubblica Popolare Cinese sta inviando un messaggio forte riguardo alla sua posizione sulle criptovalute diverse dal DCEP”.

Dove andrà poi BTC?

Il prezzo del Bitcoin ha reagito con un lieve calo dei prezzi, passando da 14.100 dollari al picco del mese a meno di 13.500 dollari. Anche se la reazione è stata minima, un ulteriore calo potrebbe avere implicazioni negative per il trend a breve termine di BTC.

Tecnicamente, il supporto a breve termine di Bitcoin è a 13.300 dollari. Sotto di esso, c’è l’area di supporto di 12.900 dollari e il livello di 12.200 dollari, che è la media mobile a cinque giorni sul grafico mensile.

Il 2 novembre, prima del calo di Bitcoin, il trader a tempo pieno alla Borsa di Amsterdam Michael van de Poppe ha dichiarato che la fascia da 12.700 a 12.900 dollari è una forte area di supporto a breve termine. Ecco quello che ha affermatp:

“La tendenza è ancora verso l’alto, ma manca un po’ di forza qui. Deve tenere oltre i 13.550-13.650 dollari per il supporto. Se questo è tenere, rinnovare i test di 14.000 dollari all’orizzonte. Perdere e puntare a 12.700-12.900 dollari”.

Finora, la risposta del Bitcoin alle voci di repressione normativa è stata minima. Se BTC può rimanere al di sopra dei 13.000 dollari nel breve termine, le prospettive rimarrebbero probabilmente positive.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.