La California ha emesso una direttiva a Celsius intimando alla società di smettere di vendere titoli

I fornitori di conti di interesse in criptovalute sarebbero oggetto di indagini da parte del Dipartimento per la protezione e l’innovazione finanziaria (DFPI) della California per presunta mancata osservanza delle leggi dello Stato.

In seguito all’emissione di ordini che intimavano a BlockFi e Voyager di interrompere le vendite dei loro servizi all’interno dello stato, il DFPI ha presentato un ordine di cessazione e desistenza nei confronti della società di prestito di criptovalute Celsius.

La sentenza dichiara semplicemente che la piattaforma di prestito di criptovalute, che è attualmente sottoposta a procedura fallimentare, deve cessare tutte le sue attività in California per quanto riguarda la vendita e la commercializzazione di titoli. In altre parole, la piattaforma di prestito di criptovalute deve smettere di vendere e commercializzare titoli.

Dall’8 agosto la sentenza dichiara che Alex Mashinsky, l’Amministratore Delegato di Celsius Network, ha minimizzato i rischi associati al deposito di beni digitali facendo importanti dichiarazioni errate e omissioni nell’offerta di conti di interesse in criptovalute della società.

I servizi di custodia di terzi, l’incapacità dei prestatori di consegnare in tempo le garanzie di Celsius e l’insufficienza del patrimonio della società in caso di richiesta di prelievo rapido sono alcuni dei pericoli non menzionati, secondo il Dipartimento. Celsius potrebbe anche perdere l’accesso ai propri asset digitali se si verificasse una di queste situazioni.

Inoltre, la piattaforma è accusata di aver violato la legislazione dello Stato della California, non avendo classificato correttamente gli asset digitali depositati come titoli, in linea con la sezione 25110 del Corporations Code. Prima di poter offrire determinati tipi di titoli all’interno dello Stato, una società deve ottenere l’approvazione del DFPI.

Nel luglio 2022 il DFPI ha avviato due distinte procedure di cessazione e desistenza contro BlockFi e Voyager. Il 6 luglio è stata presentata una richiesta di fallimento ai sensi del Capitolo 11 da parte di Voyager di 3AC, un exchange di criptovalute che nel frattempo ha cessato le operazioni.

Dal 13 giugno i prelievi e i premi sono stati sospesi per tutti i clienti. Inoltre, è stata interrotta la distribuzione di nuovi prestiti e sono state sospese le richieste di margine.

I rappresentanti legali di Celsius hanno dichiarato che alla società dovrebbe essere concesso il permesso di “utilizzare, vendere, dare in pegno e reipotecare tali valute” perché gli utenti hanno trasferito la proprietà dei loro token a Celsius in conformità con l’accordo che Celsius aveva con la piattaforma (ToS).

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.