Questa nuova tecnologia è la più grande minaccia per la crittografia?

C’è una gara tecnologica in corso: blockchain contro l’informatica quantistica. Teoricamente, grandi passi avanti nell’informatica quantistica potrebbero minare l’intera industria delle criptovalute – proprio quando la nascente tecnologia blockchain sta diventando finalmente mainstream. Ma gli esperti di criptovalute stanno già lavorando su una nuova codifica a prova di quantum.

Blockchain è la tecnologia dietro Bitcoin (BTC) e altre criptovalute. Funziona suddividendo i dati in blocchi protetti da una crittografia intelligente. Questa crittografia è ciò che rende possibile fare a meno degli intermediari – banche e governi – per quel che concerne le transazioni finanziarie. È anche ciò che l’informatica quantistica potrebbe svelare.

L’informatica quantistica potrebbe minacciare la crittografia?

Se pensavi che fosse difficile capire la tecnologia blockchain, l’informatica quantistica è tutta un’altra storia. Sarebbe facile dire che potrebbe rivoluzionare tutto perché, beh, è quantistica. Ma questo non è del tutto vero.

L’informatica quantistica sarà in grado di affrontare alcuni problemi in modo estremamente raffinato – in quanto è milioni di volte più veloce dei computer attuali. E la sfida per la crittografia è che i computer quantistici alla fine saranno davvero bravi a decifrare le chiavi crittografiche.

Ma non siamo ancora a quei livelli. Tuttavia, si stima che nei prossimi 10 anni, i computer quantistici saranno in grado di elaborare i dati abbastanza velocemente da risolvere gli algoritmi che tengono al sicuro le criptovalute. Ecco due delle grandi preoccupazioni:

chiavi pubbliche e private. Queste chiavi sono una parte cruciale della crittografia. Se invii Bitcoin ad un’altra persona, usi la sua chiave pubblica – un po’ come un indirizzo email – per farlo. Il destinatario usa una chiave privata – come una password di posta elettronica – per sbloccare la transazione. Proprio come avere l’indirizzo email di qualcuno non ti permette di accedere al suo account, così avere una chiave pubblica non ti permette di accedere alla crypto di qualcuno. Tuttavia, l’informatica quantistica potrebbe, teoricamente, permettere ad un hacker di fare proprio questo in certi scenari.

Attacchi al 51%

Un altro aspetto cruciale della blockchain è il modo in cui i blocchi che registrano le transazioni vengono collegati, e come vengono aggiunti quelli nuovi. Se un cattivo player introduce un blocco falso con informazioni false, quel blocco viene rifiutato dagli altri blocchi della catena. Se però un hacker prendesse il controllo di più della metà dei blocchi della rete, potrebbe essere problematico. Ci sono limiti su quanto un hacker potrebbe guadagnare, ma in teoria, la velocità del calcolo quantistico potrebbe rendere questo tipo di attacco più probabile.

Va detto che non sono solo le criptovalute che potrebbero essere interessate dagli sviluppi dell’informatica quantistica. Potrebbe avere un impatto su tutti i tipi di dati protetti da firme digitali – dalle crittografie usate dai governi e dalle banche, fino alle tue email personali.

Cosa significa questo per gli investitori in criptovalute?

La buona notizia è che questo è un problema noto. E non accadrà da un giorno all’altro – i computer quantistici non faranno improvvisamente il salto che gli permetterà di decifrare le criptovalute. Secondo gli esperti di informatica, lo sapremo molto prima che accada davvero.

Ancora più importante, come l’informatica quantistica si sta evolvendo, lo stesso vale per la tecnologia blockchain. Alcuni sviluppatori stanno già cercando forme di crittografia post-quantistica. Questa è una crittografia migliorata che non può essere decifrata dai computer quantistici, e gli specialisti sono abbastanza fiduciosi che avranno successo.

Detto questo, uno dei grandi punti di forza della blockchain è la sicurezza quasi impenetrabile che offre. La possibilità di rompere questa sicurezza è a dir poco inquietante, e gli investitori di criptovalute dovrebbero prestare attenzione agli sviluppi quantistici.

Le singole criptovalute potrebbero aver bisogno di aggiornarsi a soluzioni crittografiche post-quantistiche. Varrà la pena di guardare quali progetti di valuta digitale resteranno davanti a questa curva.

Quasi certamente arriveremo anche a un momento in cui gli investitori di criptovalute avranno bisogno di trasferire i loro fondi in portafogli più sicuri. E poiché la società di dati Chainalysis stima che il 20% dei Bitcoin è attualmente perso o bloccato in portafogli a cui la gente non può accedere, c’è la possibilità che queste monete (che non possono essere spostate) saranno più vulnerabili agli attacchi.

Se tieni i tuoi beni con uno scambio di criptovalute, probabilmente ti aiuterà a gestire la transizione. Ma se tieni i tuoi beni criptovaluta in un portafoglio decentralizzato, potresti aver bisogno di essere più proattivo.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.