Bitcoin giù del 5 per cento

Bitcoin è la principale criptovaluta, contribuendo a circa il 40 per cento del mercato globale delle criptovalute. In un certo senso detta anche il comportamento del mercato delle criptovalute. Bitcoin venerdì, il 4 maggio, è stato scambiato in negativo con un Rs pari a 28.40.63, registrando dunque un calo del 5,51 per cento. Ha raggiunto il minimo giornaliero di Rs pari a 28.12.986, mentre venerdì ha continuato a raggiungere un Rs 30.13.489. 

IL TRIGGER

Quindi, da oltre il 6 per cento di rialzo giovedì al 5 per cento di ribasso venerdì; a cosa si deve questa inversione? Sembra che dopo che Dogecoin si è radunato per due giorni consecutivi, dopo che il CEO di Space X Elon Musk ha twittato una sua foto d’infanzia con la criptovaluta, Musk sia di nuovo all’opera. Questa volta ha condiviso una emoji di un cuore spezzato, innescando la caduta del prezzo della criptovaluta numero uno. 

Come sono andate le altre monete?

Nel frattempo, altre monete top, tra cui Dogecoin, Ethereum, Binance Coin, Shiba INU erano in calo. 

Dogecoin, Shiba Inu sono stati scambiati con un valore del 14% in meno, Ethereum è sceso del 7%, Binance Coin è stato scambiato al ribasso anche dopo la sua correzione al di sopra del 9% su CoinSwitch Kuber, la piattaforma di scambio di criptovalute che facilita il loro trading in India. Il mercato complessivo ha segnato un calo dell’8,57 per cento, come hanno mostrato i dati della stessa piattaforma.

Elon Musk e Bitcoin

L’importante posizione di Tesla su Bitcoin e l’enorme seguito personale di Musk spesso portano i mercati delle criptovalute in tensione ogni volta che twitta, ed il prezzo di BTC è sceso dopo che Musk ha postato “#Bitcoin”, seguita da una emoji con il cuore spezzato, e una foto di una coppia che sembra in procinto di lasciarsi.

“Musk è stato un grande promotore delle criptovalute, ma è diventato critico nei confronti di Bitcoin da quando ha sospeso i piani di Tesla per usarlo come mezzo di pagamento per le auto, a causa delle preoccupazioni circa il suo consumo di energia”, si legge in un rapporto di Reuters. 

Bitcoin e diverse altre criptovalute si stanno ancora riprendendo dal crollo del mese scorso, sulla scia della decisione di Tesla e per via delle notizie circa un rinnovato controllo normativo sulle crypto in Cina.

Musk aveva precedentemente detto che Tesla non avrebbe venduto i suoi Bitcoin, ma i tweet sono stati lo stesso sufficienti per sconvolgere i mercati, ancora fragili dopo il crollo di maggio.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.