Disegno di legge del Kentucky che prevede delle agevolazioni fiscali ai miner di criptovalute del posto

Alcuni politici del Kentucky cercano di stabilire delle imposte per i miner di criptovaluta a livello locale.

Martedì i legali del Kentucky avrebbero approvato varie agevolazioni statali tra cui la legge 230, che eliminerebbe la tassa sulle commesse per l’elettricità comprata dagli operatori locali di mining di criptovalute.

In base a un resoconto del Lexington Herald-Leader, gli operatori del Kentucky si sono espressi 19 a 2 per questa nuova disposizione. Si stima che la legge costerà ai bilanci comunali circa 1 milione di USD ogni anno. Non è possibile calcolare ancora il costo preciso perché “non è noto quante imprese sceglieranno di insediarsi qui per usufruire di tale esenzione”, dicono i deputati.

Il promotore del disegno in questione ha affermato che il Kentucky ha la necessità di attirare più aziende di mining di criptovaluta, proponendo sgravi sulle tasse per l’elettricità utilizzata. Steven Rudy ha evidenziato che il mining di criptovalute ha bisogno di sostegno come settore nello stato.

“Il mining di criptovalute prende un sacco di energia elettrica. È molto impattante per le cose di carattere industriale. Non è solo alcune persone che stanno sedute nel sotterraneo della loro madre o nel sottoscala dei loro amici che stanno scrivendo un codice. Si tratta in realtà di qualcosa di altamente specializzato, molto tecnico”, ha dichiarato.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.