Dovresti investire nella prima criptovaluta Blockweave del mondo?

Arweave (CRYPTO:AR) è la prima moneta blockweave al mondo – che è un protocollo di archiviazione dati che consente la memorizzazione permanente di beni digitali quali transazioni, contratti intelligenti, pagine web, video, immagini e altro ancora, direttamente sulla sua blockchain nativa. Per metterla nella giusta prospettiva, si consideri che la blockchain di Bitcoin (CRYPTO: BTC) può contenere solo poche centinaia di byte di dati alla volta, quando si tratta di gestire le transazioni (che sono stringhe digitali di codice che occupano spazio di archiviazione sul suo libro mastro e sulla rete).

Non dovrebbe essere una sorpresa che anche gli investitori siano entusiasti di questa innovazione. Nell’ultimo anno, le monete AR hanno guadagnato il 1.510,77% in valore. Ora è la 58esima criptovaluta più grande a livello globale, con un market cap di 2 miliardi di dollari. Gli investitori sono ancora in tempo per raccoglierne i frutti se l’acquistano ora?

Cos’è Arweave? 

Il protocollo peer-to-peer (P2P) di Arweave collega i partecipanti con spazi di archiviazione massicci sui loro server, o dischi rigidi, con coloro che cercano di memorizzare dati. Attualmente, si paga una tassa una tantum di circa 34 dollari per memorizzare 1 gigabyte di dati su ArDrive. In confronto, Amazon Cloud fa pagare circa 0,02 dollari al mese per memorizzare 1 GB di dati. Quindi, perché qualcuno dovrebbe preoccuparsi di usare Arweave?

La risposta è che l’archiviazione dei dati su ArDrive è permanente. Una singola tassa in anticipo, pagabile in AR, dà ai miners della rete Arweave un incentivo per replicare continuamente il contenuto memorizzato. Le tariffe di rete sono più simili a delle dotazioni. Poiché il costo della memorizzazione dei dati diminuisce nel tempo, con l’avanzare della tecnologia l’interesse guadagnato dal pagamento iniziale è più che sufficiente per pagare i costi operativi dell’ecosistema Arweave.

Ci sono già 300 applicazioni decentralizzate (dApps) costruite sulla blockchain Arweave, e ArDrive è solo una di queste. C’è ArGo, che consente agli utenti di memorizzare interi siti web come archivi permanenti. Poi c’è RedStone, che fornisce set di dati finanziari decentralizzati, come i feed dei prezzi, per più di 1.000 valute digitali similarmente a quanto fa Yahoo Finance, ma per la crittografia. Il suo servizio lo mette in concorrenza diretta con le monete oracolo come ChainLink. Un altro punto saliente è Pianity, che consente agli artisti di coniare le loro colonne sonore come token non fungibili (NFT) e venderle sul mercato di Pianity.

Perché tutto ciò è importante? 

Il mercato potenziale totale ascrivibile ad Arweave è enorme. Entro il 2025, le società di ricerca di mercato stimano che l’industria globale di archiviazione dei dati crescerà fino a 137,3 miliardi di dollari, con un tasso di crescita del 22,3% all’anno. La sua esposizione agli NFT è anche un catalizzatore chiave per la crescita. In agosto, il volume di scambio di NFT su una sola piattaforma, OpenSea.io, ha superato i 3,4 miliardi di dollari, rappresentando un aumento di dieci volte rispetto al mese precedente. Infine, ricordate che i contratti intelligenti sulla maggior parte delle blockchain non possono attingere alle API del mondo reale (software che permettono alle applicazioni di comunicare tra loro) come i prezzi degli asset per la loro esecuzione.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.