Il crollo dell’inflazione in Europa potrebbe far presagire un maggiore stimolo

A settembre l’inflazione annuale nell’area dell’euro a 19 paesi si è ulteriormente abbassata sotto lo zero, rafforzando le aspettative che la Banca centrale europea intensificherà i suoi sforzi di stimolo d’emergenza per contribuire ad attenuare l’impatto della pandemia sull’economia.

Secondo i nuovi dati diffusi venerdì dall’agenzia di statistica dell’Unione Europea, l’indice dei prezzi al consumo è sceso dello 0,3% a settembre, addirittura inferiore al dato meno 0,2% di agosto.

Al netto della volatilità dei prezzi dei generi alimentari e dei carburanti, il tasso di inflazione è stato dello 0,2% a settembre, in calo rispetto allo 0,4% di agosto. Il cosiddetto dato dell’inflazione di fondo è spesso considerato la migliore misura dell’andamento dei prezzi nell’economia nel suo complesso.

Il basso tasso di inflazione è uno dei motivi principali per cui gli analisti prevedono che la BCE aggiungerà al suo programma di 1,35 trilioni di euro (1,6 trilioni di dollari) di acquisti regolari di obbligazioni, che spingono la moneta appena stampata nel sistema finanziario. Agli acquisti d’emergenza in caso di pandemia si attribuisce il merito di mantenere bassi i costi di prestito e di prevenire le turbolenze sui mercati finanziari che avrebbero aggravato la recessione causata dal virus.

Secondo Frederik Ducrozet, stratega di Pictet Wealth Management, la riunione di dicembre della banca centrale sarà probabilmente la prima occasione per aggiungere stimoli, poiché è in quel momento che la BCE pubblicherà previsioni aggiornate sulla crescita e l’inflazione per contribuire a formare una decisione.

” Detto questo, non escluderemmo completamente una decisione al summit del 29 ottobre a seconda degli sviluppi macroeconomici e delle condizioni finanziarie”, ha scritto in una nota di ricerca inviata via e-mail. Ha detto che la BCE potrebbe aumentare i suoi acquisti obbligazionari di 500 miliardi di euro.

Rosie Colthorpe, economista europea di Oxford Economics, ha sottolineato i fattori temporanei che abbassano l’inflazione, come il taglio dell’imposta sul valore aggiunto in Germania come parte dello stimolo alla crisi del paese. Ciò suggerisce che la BCE potrebbe aspettare fino a dicembre prima di agire. “Ma per ora, la continuazione della deflazione dell’eurozona aggiunge certamente munizioni alle voci colombiane in consiglio”, ha detto. Le “colombe” monetarie nel gergo finanziario sono funzionari che sostengono la necessità di maggiori stimoli.

L’obiettivo della BCE è di avere un’inflazione annuale di poco meno del 2%. Gli economisti dicono che la pandemia sta contribuendo a ridurre l’inflazione, poiché i commercianti mantengono bassi i prezzi nella speranza di attirare clienti in mezzo a restrizioni sui viaggi e sull’attività.

Mentre un’inflazione bassa può avvantaggiare i consumatori fino a un certo punto, la debolezza dei prezzi per un certo periodo di tempo può essere un segno di stasi nell’economia, in quanto le imprese devono ricorrere a sconti per attirare gli acquirenti. Inoltre, la debolezza dell’inflazione può rendere più difficile per i paesi indebitati della zona euro migliorare la loro competitività rispetto agli altri membri del blocco valutario.

In occasione dell’incontro della BCE del 10 settembre, il presidente Christine Lagarde ha dato poche indicazioni sul fatto che ci saranno ulteriori stimoli, ma ha detto che la banca è pronta ad adeguare i suoi programmi in caso di necessità. La BCE, con sede a Francoforte, in Germania, è la principale autorità monetaria per i paesi membri dell’UE che utilizzano l’euro.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.