La Germania si prepara a mettere alcuni titoli finanziari in blocco

Il settore tecnologico tedesco ha accolto con favore la decisione del governo di consentire l’inserimento di alcuni titoli solo elettronici, una mossa che apre la strada all’inserimento di “titoli cripto” in un registro a blockchain.

Tuttavia, con il passaggio che inizialmente introduceva solo titoli al portatore senza carta – le azioni e i fondi comuni d’investimento verranno in seguito – dicono che non è sufficiente.

Finora le leggi tedesche sui titoli hanno obbligato i detentori e gli emittenti a utilizzare certificati cartacei per le transazioni. Ora le e-securities saranno trattate esattamente allo stesso modo dei titoli cartacei ai sensi della normativa finanziaria del Paese.

Il ministro delle Finanze Olaf Scholz ha salutato il cambiamento come “guida alla digitalizzazione della piazza finanziaria tedesca”.

“Il certificato cartaceo può essere caro ad alcuni per motivi nostalgici, ma il futuro appartiene alla sua versione elettronica”, ha detto Scholz dopo una riunione di gabinetto in cui è stata presa la decisione. “I titoli elettronici riducono i costi e il lavoro amministrativo”.

Le blockchain sono dei registri decentralizzati e sicuri che vengono memorizzati e aggiornati contemporaneamente sui computer di molte persone o organizzazioni, rendendo quasi impossibile falsificare le registrazioni. La tecnologia è meglio conosciuta come la base per le criptovalute come Bitcoin, anche se hanno molti altri potenziali utilizzi che vanno dalla finanza all’autenticazione della catena di fornitura.

L’accettazione di obbligazioni al portatore senza carta non significa necessariamente che i titoli elettronici debbano essere registrati su una blockchain – le nuove registrazioni abilitate potrebbero essere semplicemente in un registro presso un deposito centrale di titoli o una banca depositaria.

Tuttavia, il governo ha chiarito in una dichiarazione che l’introduzione dei titoli digitali è “uno dei requisiti centrali della strategia di blockchain del governo federale”. Ha aggiunto che, poiché le nuove regole sono inquadrate in modo tecnologicamente neutro, dovrebbero essere in grado di gestire ulteriori sviluppi tecnologici in futuro.

“La digitalizzazione del mercato finanziario è già molto avanzata e sarà ulteriormente accelerata grazie all’uso di tecnologie come la blockchain”, ha detto il ministro della giustizia Christine Lambrecht. “La decisione odierna del gabinetto amplia in modo significativo il potenziale innovativo di queste tecnologie per il centro finanziario tedesco”. Allo stesso tempo, creiamo certezza giuridica in un settore che è caratterizzato da un costante cambiamento attraverso le innovazioni tecnologiche”.

Bitkom, l’ente commerciale tedesco del settore digitale, ha accolto con favore questa certezza del diritto e ha detto che la legge ha dimostrato che il governo “è serio nella sua strategia di blocco”.

Tuttavia, ha notato con disapprovazione che le azioni non sono inizialmente incluse nel passaggio, ma solo le obbligazioni. Questo, ha detto il capo della Bitkom blockchain Patrick Hansen, significava che il “pieno potenziale” della tecnologia era “ancora lontano dall’essere sfruttato”.

“I vantaggi della blockchain per la rappresentazione e il trading di titoli sono ora ben noti”, ha detto in una dichiarazione via e-mail. “Ora è importante a livello tedesco, ma soprattutto europeo, che il governo crei le giuste condizioni per questo”.

L’approccio graduale della Germania appare prudente, ma sembra anche andare oltre rispetto ad altri paesi europei che già consentono i titoli elettronici. La Francia, in particolare, ha permesso per due anni la negoziazione di titoli a blockchain, ma solo titoli non quotati che non utilizzano i sistemi di regolamento titoli esistenti.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.