La Russia intende far passare l’intero sistema finanziario al Rublo digitale entro il 2024

La Banca di Russia continua a impegnarsi per l’imminente adozione della moneta digitale della Banca Centrale e il rilascio di una forma digitale ufficiale del Rublo è previsto per i prossimi anni (CBDC).

Secondo l’ultima revisione della politica monetaria russa, la Banca Centrale prevede di iniziare a collegare tutte le banche e gli istituti di credito alla rete del Rublo digitale entro il 2024. Si tratterebbe di un anno cruciale per la Russia, poiché nel marzo 2024 si terranno le elezioni presidenziali e l’attuale presidente, Vladimir Putin, ha il diritto costituzionale di chiedere la rielezione.

A quel punto, la Banca Centrale spera di aver completato i test di tutti i tipi di transazioni, da clienti a clienti a imprese a clienti, utilizzando denaro reale. Inoltre, nel 2023, la Banca di Russia lancerà il beta testing dei contratti intelligenti digitali per il trading in rubli. Solo coloro che sono stati scelti prenderanno parte della sperimentazione.

La Banca prevede di lanciare il CBDC in modo metodico, offrendo nuove prove e funzionalità ogni anno. Una volta terminato il Tesoro Federale, la Banca di Russia sostiene che tutti i pagamenti governativi (da e verso i cittadini, le aziende e i cittadini stessi) saranno inclusi nel Rublo digitale.

Entro il 2025, la Banca Centrale spera di poter stabilire la modalità offline del Rublo digitale con l’integrazione di intermediari finanziari non bancari, piattaforme finanziarie e infrastrutture di scambio. “L’approccio graduale all’introduzione del Rublo digitale offrirà agli attori del mercato l’opportunità di adattarsi alle nuove condizioni”, ha dichiarato la Banca di Russia in un comunicato.

Secondo l’ulteriore dichiarazione dell’autorità, infatti, la Banca prevede di collaborare con altre Banche Centrali che stanno sviluppando le proprie valute digitali per facilitare il commercio internazionale e gli scambi con l’estero basati su valute digitali.

Secondo fonti precedenti, la Russia ha presentato ufficialmente la sua strategia CBDC l’anno precedente e ha iniziato a condurre test sulla valuta digitale nel febbraio 2022. La Banca di Russia ha già arruolato un gruppo di dodici banche per testare il Rublo digitale in progetti sperimentali. Siber, VTB, Tinkoff Bank e altre banche del settore finanziario erano rappresentate in questo gruppo.

Sebbene si sia tenuta al passo con i piani di implementazione del CBDC, la Russia è in forte ritardo nei suoi tentativi di regolamentare il mercato delle criptovalute.

Il Presidente Putin ha spesso invocato l’adozione di una regolamentazione sulle criptovalute prima della ratifica della legge russa “sugli asset finanziari digitali”, che non ha cambiato molto in quanto manca ancora di diverse componenti normative come il mining delle criptovalute, la tassazione e altre.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.