Nel caso della SEC, Ripple rivendica una “vittoria significativa”.

Ripple Labs è riuscita ad ottenere una vittoria sulla Securities and Exchange Commission (SEC) nella sua continua azione di frode sui titoli. La richiesta della SEC di ispezionare alcuni documenti che possono o non possono essere rilevanti per l’accusa è stata rifiutata dal giudice assegnato al caso.

Un avvocato della comunità Ripple descrive il risultato come “un successo molto importante per Ripple” dopo che il giudice che presiede ha ribaltato la decisione della Securities and Exchange Commission (SEC) a favore della società.

La Securities and Exchange Commission (SEC) ha intentato una causa contro Ripple e i suoi CEO Brad Garlinghouse e Christian Larsen nel 2020, accusandoli di vendere titoli non registrati.

La richiesta della SEC di riconsiderare la salvaguardia dei registri sotto il privilegio avvocato-cliente in relazione a una conferenza tenuta dall’allora direttore della SEC William Hinman nel giugno 2018 è stata rifiutata dal giudice presidente Sarah Netburn. Alla domanda su Bitcoin (BTC) e Ether (ETH), Hinman ha dichiarato che le valute digitali non sono titoli.

Anche se tali documenti erano al di fuori della protezione del privilegio del processo deliberativo (DPP), la SEC in precedenza non ha obiettato al loro rilascio perché credeva che contenessero solo le opinioni personali di Hinman e non le regole della SEC.

Quando il DPP esenta alcuni documenti in un caso dall’essere rilasciati dal governo, questo permette al governo di esaminare privatamente la politica attuale alla luce dei materiali contenuti nei documenti esentati.

La SEC ha poi rivisto la sua posizione, sostenendo che il discorso rappresentava la politica di Ripple piuttosto che le opinioni personali di Hinman, e che quindi dovrebbe essere protetta.

Secondo il giudice Netburn, la SEC dovrebbe astenersi dal contraddirsi tentando di cambiare le sue affermazioni. “La SEC vuole avere entrambe le cose”, ha scritto nella sua conclusione, “ma il discorso era destinato a rappresentare la politica dell’agenzia o non lo era”.

Dopo aver affermato che la sua posizione rispecchiava le opinioni personali di Hinman, la SEC è ora incapace di invertire la sua stessa posizione”.

Riassumendo i punti più importanti del rifiuto del giudice Netburn di riconsiderare, un avvocato difensore della comunità Ripple con un ampio dossier di casi finanziari e SEC ha dichiarato la sua prospettiva. Il tweet di oggi di James K. Filan ha spiegato:

Dopo l’ordine del giudice Netburn, un altro avvocato della comunità Ripple e creatore di CryptoLaw, ha twittato oggi ai suoi 191.000 seguaci, affermando che “la SEC è ora in un armadietto rotto”.

Anche se questa sembra essere una sentenza significativa, la questione è tutt’altro che finita, e la SEC ha ora due settimane per presentare un appello contro il verdetto.

Quasi tutti coloro che sono coinvolti nel business delle criptovalute stanno tenendo d’occhio questo caso, poiché la sua decisione potrebbe avere implicazioni per le future cause della SEC contro le società di criptovalute per la vendita di titoli non registrati.

Se Ripple ha successo nella sua causa, la SEC potrebbe decidere di ridimensionare la sua azione aggressiva contro il settore delle criptovalute. Tuttavia, se la SEC prevale, le porte potrebbero aprirsi, e gli avvocati che sono esperti di criptovalute potrebbero trovarsi nel mezzo di un business a domicilio in attesa di essere scoperto.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.