L’informatrice di Facebook teme che il Metaverso replicherà tutti i danni

In una recente intervista, l’informatrice di Facebook Frances Haugen prende di mira Meta, sostenendo che la loro versione del Metaverso replicherebbe semplicemente tutti i precedenti errori della società.

“Hanno fatto promesse piuttosto grandiose su come c’è sicurezza-by-design nel Metaverso”, ha detto Haugen in un’intervista con Politico. Ma se non si impegnano per l’apertura, l’accesso e altre misure di responsabilità, non posso vedere altro che una recrudescenza di tutti gli aspetti peggiori delle operazioni di Facebook”.

Nel 2021, Haugen ha esposto centinaia di documenti interni di Facebook alla Securities and Exchange Commission (SEC) e al Wall Street Journal, con conseguente indagine penale. Le preoccupazioni relative alla privacy sono sorte come risultato del suo lavoro per l’azienda, così come la prospettiva di permettere alla società di raccogliere dati su ogni elemento delle attività degli utenti nel Metaverso.

“Sono abbastanza preoccupato per il numero di sensori che sono coinvolti. Il Metaverso richiederà l’installazione di diversi microfoni aggiuntivi da Facebook, così come numerosi altri tipi di strumenti nelle nostre case”, ha spiegato.

Il punto è che non si ha una scelta se si vuole o meno che Facebook ti spii a casa tua in questo momento”. L’unica cosa che dobbiamo fare ora è confidare che l’azienda faccia la cosa giusta”.

Haugen non è l’unico ad essere preoccupato per la situazione. Secondo un recente sondaggio, il 70% degli intervistati non ha fiducia nella capacità di Meta di proteggere le loro informazioni personali.

Andy Yen, l’amministratore delegato di ProtonMail, un provider di posta elettronica criptata, è altrettanto preoccupato per le capacità unilaterali di grandi aziende tecnologiche come Meta. In un’intervista pubblicata la scorsa settimana, ha dichiarato che la sua startup, Proton, potrà esistere solo se la gentilezza dei titani della tecnologia sarà ricambiata.

Come risultato, ha affermato, “i titani della tecnologia potrebbero ora portarci via da Internet senza conseguenze legali o finanziarie”.

In passato ha già espresso preoccupazioni sul dominio di Big Tech sul Metaverso, dicendo a Newsweek l’anno scorso che Meta stava “costruendo una nuova infrastruttura in cui avrebbero avuto assoluto potere su tutto. È il loro gadget, lo controllano, hanno le cuffie VR, e tu sei entrato nel loro mondo, usando la loro attrezzatura e la loro piattaforma”.

Yen ha dichiarato che, dati i precedenti di Meta, non crede che dovremmo riporre la nostra fiducia in loro con un potere così immenso, e che le affermazioni sulla privacy nel Metaverse sono prive di significato finché il modello economico della società non cambia.

La linea di fondo è che la strategia di business dell’azienda si concentra sul rubare i vostri dati e monetizzarli. “Come risultato, ci sarà sempre una discrepanza fondamentale tra ciò che dicono e ciò che devono effettivamente fare per generare denaro”.

La Electronic Frontier Foundation (EFF) è un’organizzazione non-profit dedicata alla protezione delle libertà civili nell’era digitale. Questa organizzazione sostiene che le tecnologie indossabili come gli auricolari VR, gli occhiali AR, e altri indossabili permetteranno la raccolta di dati e il monitoraggio più conveniente che mai.

Secondo la dichiarazione del gruppo di dicembre, “Questa raccolta di dati, che a volte è effettuata da aziende con una storia di priorità di profitto rispetto ai diritti dei consumatori, apre la strada a violazioni senza precedenti nelle nostre vite personali, nelle nostre case e anche nei nostri pensieri”.

La Electronic Frontier Foundation (EFF) teme che i dati raccolti e sfruttati per la pubblicità mirata possano portare allo sviluppo della “psicografia biometrica”, e che i nostri desideri e inclinazioni più profondi saranno disponibili per essere acquistate. Le informazioni raccolte potrebbero essere vendute o altrimenti monetizzate da terzi, anche se non ne siamo consapevoli o non diamo il nostro consenso.

Mentre il Metaverso può sembrare un problema per il lontano futuro, in Cina, i residenti lo stanno sperimentando quotidianamente in modo diverso.

In Cina, WeChat è la piattaforma di social networking preferita da molte persone. Vanta una base di utenti sbalorditiva di più di un miliardo di persone. Ci sono 850 milioni di utenti attivi su questo totale. Il programma sta accumulando enormi quantità di dati sugli utenti cinesi su una scala mai vista prima. Inoltre, il governo cinese ha la capacità di monitorare ogni parola, foto e video che viene pubblicato su di esso.

Reporter Senza Frontiere (RSF) ha mosso severe critiche a WeChat prima dei Giochi Olimpici Invernali di Pyeongchang, in Corea del Sud, all’inizio di quest’anno. RSF ha avvertito i giornalisti di prendere precauzioni contro il monitoraggio cinese mentre fanno il loro lavoro.

“Reporter senza frontiere (RSF) consiglia ai giornalisti che viaggiano in Cina di evitare di scaricare software che potrebbero permettere al governo cinese di monitorarli”, hanno dichiarato. Questi includono WeChat e TikTok, per citarne un paio.

Editorial credit: rafapress / shutterstock.com

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.