Nonostante l’allargamento della frattura globale, le CBDC sono pronte a guadagnare spazio anche nel mezzo dell’inasprimento della regolamentazione di Binance e Crypto

Per quanto riguarda le valute digitali della banca centrale: potrebbero funzionare, e potrebbero essere lanciate – ma, a seconda del paese, potrebbero non essere necessarie. Il dibattito sulle CBDC continua, con alcune nazioni che ne mettono in dubbio la loro utilità, e altre che le accolgono a braccia aperte.

E in alcuni casi, la continua stretta dei legislatori su quelle che potrebbero essere definite criptovalute tradizionali – quelle, come il Bitcoin, che non sono legate ad un asset di supporto o agli sforzi della banca centrale – non si ferma, aprendo la strada all’emissione di CBDC su una scala più ampia.

In Svizzera, come notato in questo spazio la settimana scorsa, Carlos Lenz, capo economista della Banca Nazionale Svizzera, ha affermato che la banca centrale non vede la necessità di un franco digitale – anche se gli studi sulla sua fattibilità sono in corso.

“L’attuale sistema di pagamento funziona bene”, ha detto, secondo una traduzione effettuata con Google Translate di un articolo in lingua tedesca nella pubblicazione svizzera. L’articolo della Handelszeitung ha proseguito citando un altro dirigente bancario svizzero che ha detto che il paese alla fine userà un franco digitale almeno in alcuni casi – l’unica domanda è quando.

Per capire dove si concentreranno gli sforzi nel lancio dei CBDC, i funzionari bancari in Svizzera e Francia stanno lavorando congiuntamente sul “Progetto Jura”, per vedere se i CBDC sono applicabili alle transazioni all’ingrosso. In Francia, com’è stato notato in un annuncio della banca centrale del paese, l’emissione di CBDC è stata utilizzata per i pagamenti all’ingrosso.

Stringere le redini della criptovaluta

Ma al di là delle varie ricerche sui CBDC, gli avvertimenti e i divieti legati allo spazio crypto, dove le offerte digitali non sono sostenute da beni o da fiat (come il Bitcoin), sembrano prendere velocità.

E in un ulteriore avvertimento contro le valute digitali in generale, in Norvegia, il legislatore dell’industria finanziaria, l’Autorità di vigilanza finanziaria della Norvegia, Finanstilsynet, ha avvertito che “la maggior parte delle criptovalute sono soggette a fluttuazioni estreme dei prezzi. Il rischio di perdita è alto … La formazione del prezzo è in molti casi non trasparente … I truffatori usano spam, virus informatici, disegni falsi e una varietà di altre tecniche per ingannare i consumatori”, si legge nell’avviso.

Mentre nel Regno Unito, la Financial Conduct Authority (FCA) del paese ha vietato a Binance Markets Limited di intraprendere qualsiasi attività regolamentata in Inghilterra.

Come riportato dalla CNBC, i portavoce della FCA hanno sottolineato che la portata del divieto è stata limitata (in parte, notiamo, perché lo scambio stesso non ha sede nel Regno Unito). “Anche se a Binance Markets Limited è vietato offrire servizi regolamentati in Gran Bretagna, le aziende non registrate possono ancora interagire con i consumatori britannici. Ciò significa che Binance potrebbe ancora offrire ai britannici il trading di criptovalute attraverso il suo sito web”, si legge nel sito. Le azioni arrivano, naturalmente, dopo che la Cina ha chiuso le operazioni di estrazione di criptovalute.

Caso separato invece è qui, negli Stati Uniti, dove c’è stata una crescente analisi delle sfide della finanza decentralizzata, che naturalmente include i CBDC. Come riportato dal Financial Times, una serie di videochiamate private hanno fatto interagire le startup crypto con i legislatori finanziari – tra cui la Commodity Futures Trading Commission e la Securities and Exchange Commission. In almeno un accenno che i legislatori hanno fatto circa le preoccupazioni sullo spazio delle criptovalute, il FT ha notato che Dan Berkovitz, il commissario della CFTC, ha dichiarato che alcuni programmi DeFi legati ai derivati potrebbero violare il Commodities Exchange Act (e c’è l’ipotesi che la DeFi potrebbe essere regolata).

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.