OpenSea ha dichiarato che dopo il Merge, il mercato non supporterà più gli NFT biforcati

OpenSea, un mercato per i token non fungibili (NFT), ha annunciato che, con l’avvicinarsi della data della fusione di Ethereum, darà priorità al supporto dei soli NFT che si trovano sulla blockchain proof-of-stake (PoS) potenziata. Questa decisione è stata presa alla luce del fatto che la data della fusione di Ethereum si sta avvicinando.

Sebbene il team che lavora al mercato NFT non abbia fatto previsioni sulla probabilità di una scissione della catena, ha dichiarato su Twitter che OpenSea accetterà solo la versione più recente della catena e che le NFT biforcute non si rifletteranno sulla piattaforma.

Il mercato NFT ha inoltre sottolineato che qualsiasi potenziale problema con l’imminente Ethereum Merge è stato pianificato sulla piattaforma di trading NFT, che è ora in fase di preparazione.

Nonostante il team sia fiducioso che non ci saranno grossi problemi, ha informato la comunità che continuerà a monitorare, gestire e comunicare con i suoi utenti durante l’intero processo. Ha inoltre raccomandato agli sviluppatori di saperne di più sul Merge leggendo i post sul blog della piattaforma Ethereum.

Chainlink, come OpenSea, ha annunciato che intende sostenere la transizione della mainnet di Ethereum a PoS. Qualsiasi scissione di Ethereum che avvenga dopo il Merge non sarà supportata dal protocollo, secondo il team di sviluppo, che ha sottolineato questo punto.

Il team si è posto come priorità, tra le sue numerose responsabilità, quella di rassicurare la sua base di utenti sul fatto che è pronto a gestire qualsiasi problema che possa emergere durante il passaggio.

Una recente intervista con l’economista Lex Sokolin ha rivelato che, secondo lui, i cambiamenti nell’architettura economica che si verificheranno a seguito della fusione potranno avere un effetto sul prezzo dell’Ether (ETH).

Dal punto di vista dell’economista, gli aggiustamenti apportati all’interno del protocollo hanno evidenti ripercussioni sull’offerta di Ether. Tuttavia, l’economista ha ammesso che in questo momento non si può dire nulla con assoluta certezza e che il valore del token sarà determinato dalle forze del mercato.

Allo stesso tempo, l’ipotetico asset nativo per la potenziale divisione ETHPoW che potrebbe essere supportata dai minatori PoW di Ethereum viene venduto a 100 dollari nonostante non esista ancora. Questo è stato il risultato diretto di alcune borse che hanno inserito ETHW e ETHPoS (ETHS) come opzioni di trading.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.