Per la vendita al dettaglio e le valute digitali: Criptovalute Oggi, Dollari Digitali Domani?

Per il bitcoin – anzi per le criptovalute in generale – la scala è molto importante. Naturalmente non solo per il trading, dove i picchi di prezzo (e gli slittamenti) sono un segno distintivo della speculazione ancora dilagante, ma dove la scala potrebbe, plausibilmente, portare a una scoperta più razionale del prezzo.

Il fattore scala è fondamentale nel tentativo di rendere la criptovaluta più diffusa nell’ecosistema del commercio in generale.

Il bitcoin, che viene scambiato a circa 12.900 dollari, viene offerto dai detentori in previsione del fatto che il bitcoin potrebbe essere in viaggio verso le masse.

Tale sentimento è stato in parte stimolato dalla notizia della scorsa settimana che PayPal permetterebbe ai clienti di acquistare, tenere e vendere criptovaluta direttamente dai conti PayPal.

A partire dall’inizio del prossimo anno, le criptovalute – tra cui bitcoin, Ethereum, Bitcoin Cash e Litecoin – possono essere utilizzate per effettuare transazioni presso 26 milioni di commercianti in tutta la rete della società.

Sempre secondo quanto riportato da Bloomberg, anche PayPal sta valutando l’acquisto di società di criptovalute – che sarebbe plurale – come riportato venerdì (23 ottobre) da Bloomberg. Il newswire ha citato fonti anonime “familiari con la questione”.

Secondo il sito di PayPal, i consumatori saranno in grado di convertire istantaneamente il loro saldo di criptovaluta selezionato in valuta autorizzata.

Avere l‘autorizzazione su entrambi i lati della transazione la dice lunga su alcune delle sfide che circondano un’adozione più tradizionale dei sistemi di criptovaluta, almeno finora.

E questa è… la volatilità.

Gli swings possono funzionare a vantaggio e a scapito dei detentori, dato che le criptovalute come il bitcoin sono convertit in fiat (con i relativi guadagni o perdite nella conversione).

Curiosamente, però, in una prospettiva più a lungo termine, l’amministratore delegato Dan Schulman ha affermato la scorsa settimana che PayPal è “ansioso di poter collaborare con le banche centrali e gli enti di regolamentazione di tutto il mondo per offrire il nostro sostegno e contribuire in modo significativo a definire il ruolo che le monete digitali svolgeranno nel futuro della finanza e del commercio globale”.

Si potrebbe verificare un effetto a catena, grazie al quale l’utilizzo dell’integrazione delle criptovalute di PayPal può dare ai consumatori la familiarità di sentirsi incoraggiati a provare altri portafogli o piattaforme.

Esistono diversi percorsi per arrivare a questo livello di comfort nell’uso quotidiano.  Sicuramente, lungo una strada: la Fed ha detto che sta collaborando con il MIT per esplorare l’infrastruttura che potrebbe essere alla base delle valute digitali, e in particolare del dollaro digitale.

Una tappa significativa per ottenere la monetazione digitale più ampiamente disponibile è arrivata alla fine del mese scorso, quando l’Ufficio del Controllore della Valuta (OCC) ha detto che le banche nazionali e le associazioni federali di risparmio possono tenere le riserve per conto dei clienti che emettono monete stabili. La sentenza si applica solo alla criptovaluta su base individuale con una sola moneta fiat.

Questo è un altro tassello del puzzle normativo che si è fatto più acuto per la cripto, per gli stablecoin. Però ci sono ancora delle lacune.

Con un cenno a quanto sia instabile l’ambiente normativo, al momento, la CNBC ha riferito la scorsa settimana che Ripple, l’azienda dietro la criptovaluta XRP, sta considerando di spostare la sua sede dagli Stati Uniti a Londra, a causa della “frustrazione con l’ambiente normativo statunitense”.  Alla base di questa contesa c’è il fatto che dall’altra parte dell’Atlantico, l’Autorità per la Condotta Finanziaria non dice che l’XRP è un titolo, ma che può essere usato come valuta.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.