Perché le azioni di Bitcoin, Ethereum e Shiba Inu sono in rialzo oggi

Il mercato sembra aver modificato la sua posizione sulle future azioni della Federal Reserve.

La criptovaluta più grande del mondo, Bitcoin (BTC 10,60%), ha registrato oggi il guadagno giornaliero più alto degli ultimi sei mesi, in quanto gli investitori hanno pensato a un’inversione della politica della Federal Reserve in caso di deterioramento dell’economia statunitense.

Dalle 10:17 di oggi alle 16:00 ET, il prezzo del Bitcoin è aumentato di oltre il 10% e ha superato i 21.000 dollari. Ethereum (ETH 5,41%), la seconda criptovaluta più grande al mondo, ha registrato un aumento del 6,4%, mentre Shiba Inu (SHIB 5,76%) è salita di oltre l’8%.

Un altro giorno passa e l’atteggiamento del mercato continua a fluttuare. Il mercato ha trascorso l’intero anno cercando di decifrare la Fed. Per quanto tempo la Fed continuerà ad essere falco? Quanto velocemente la Fed aumenterà i tassi di interesse? La Federal Reserve potrebbe cambiare rotta nel 2023?

Al momento è difficile fare previsioni, ma il mercato sembra credere che la Fed potrebbe dover cambiare rotta se l’economia dovesse entrare in una recessione più grave nel 2023, cosa che secondo molti economisti è possibile. L’aumento dei tassi di interesse ha colpito il Bitcoin e il mercato delle criptovalute per tutto l’anno, in quanto rende meno attraenti gli asset rischiosi mentre aumentano i rendimenti degli asset più sicuri.

Anche il dollaro, che quest’anno è stato piuttosto forte e ha indubbiamente contribuito a rendere difficile il mercato delle criptovalute, è sceso oggi.

Secondo Barron’s, Mahesh Vellanki dell’azienda di venture Web3 SuperLayer ha dichiarato: “Nel breve termine, si tratta di macro e liquidità ridotta, ma nel lungo termine si stanno creando le basi per lo sviluppo futuro”. Saranno mesi difficili per il Bitcoin e le criptovalute.

Ciononostante, il Bitcoin ha dimostrato una certa resistenza, non è crollato come molti avevano previsto, anche se non è impossibile che si verifichi un altro grande crollo.

Giovedì Gary Gensler, il presidente della Securities and Exchange Commission (SEC), ha fatto delle osservazioni sulla regolamentazione delle criptovalute che sono state apprezzate dalla comunità delle criptovalute.

Nel corso di una conferenza, Gensler ha dichiarato che intende impegnarsi con i legislatori per concedere alla Commodity Futures Trading Commission un’autorità normativa più ampia sulle criptovalute come Bitcoin ed Ethereum.

Poiché le criptovalute sarebbero presumibilmente soggette a una regolamentazione più severa in quanto titoli, i sostenitori delle criptovalute preferiscono che siano disciplinate come materie prime. In questo modo si farebbe chiarezza sul settore delle criptovalute, che da tempo opera in una zona oscura.

Tuttavia, Gensler ha aggiunto: “Assicuriamoci di non compromettere inavvertitamente le leggi sui titoli”, aggiungendo: “Abbiamo un mercato dei capitali da 100.000 miliardi di dollari. Le criptovalute sono meno di 1.000 miliardi di dollari in tutto il mondo.

Ma non vogliamo che questo comprometta ciò che facciamo altrove”. Ha inoltre dichiarato di ritenere che la maggior parte delle criptovalute diverse da Bitcoin ed Ethereum debbano essere classificate come titoli.

Il mercato può cambiare idea da un momento all’altro, quindi non darei troppa importanza al rally di oggi, ma è ovviamente una buona notizia per gli investitori in criptovalute. Lunedì gli investitori potrebbero rivedere completamente le loro aspettative sulla Fed. Prima Bitcoin ed Ethereum avranno un quadro normativo definito, meno confusione ci sarà.

Prevedo acque tempestose nel prossimo futuro, ma continuo a preferire Bitcoin ed Ethereum ai prezzi attuali. Continuo a nutrire scarso interesse per Shiba Inu, dato che la sua ascesa è stata guidata principalmente dal supporto dei meme e non ha nulla a che fare con i fondamentali delle criptovalute.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.