Perché le criptovalute oggi sono in calo?

Il crollo del prezzo del Bitcoin raggiunge un nuovo minimo storico, come il giro di vite cinese in seguito ai commenti di Elon Musk

Un calo del 14 per cento ha portato Bitcoin sotto i 40.000 dollari (28.000 sterline) per la prima volta da febbraio.

Bitcoin e altre criptovalute sono crollate ulteriormente mercoledì, dopo che i legislatori cinesi hanno intensificato gli sforzi per sopprimere le istituzioni finanziarie che offrono servizi di criptovalute.

Un calo del 14 per cento ha portato Bitcoin sotto i 40.000 dollari (28.000 sterline) per la prima volta da febbraio, il che significa che la più grande criptovaluta del mondo ha perso più di un terzo del suo valore in una settimana.

Altre crypto hanno subito perdite simili. Ethereum è sceso da 3.400 dollari (2.400 sterline) a 2.900 dollari (2.000 sterline), mentre Dogecoin è sceso sotto 0,40 dollari (0,28 sterline), dai massimi di oltre 0,70 dollari (0,50 sterline) raggiunti all’inizio di questo mese.

Cosa significa il giro di vite cinese?

In una dichiarazione congiunta pubblicata sull’account WeChat della People’s Bank of China, le associazioni del settore bancario e di internet hanno detto che le istituzioni finanziarie non dovrebbero accettare le criptovalute come pagamento od offrire servizi legati ad esse.

“Recentemente, i prezzi delle criptovalute sono saliti alle stelle e sono crollati, e il commercio speculativo delle criptovalute è rimbalzato, violando seriamente la sicurezza della proprietà delle persone e interferendo con il normale ordine economico e finanziario”, hanno affermato.

Hanno poi aggiunto che le criptovalute non sono una vera valuta e “non dovrebbero e né potrebbero essere usate come valuta nel mercato”.

La mossa arriva mentre la Cina si prepara a lanciare la propria valuta digitale. Molti vedono il giro di vite sulle criptovalute esistenti come un tentativo di limitare la concorrenza.

Il governo cinese sta progettando di creare un renminbi digitale, che permetterebbe alla banca centrale di tracciare tutte le transazioni mentre occorrono.

Henri Arslanian, responsabile globale delle criptovalute presso i consulenti di PwC, ha detto al Financial Times che altri legislatori potrebbero seguire le orme della Cina e dare un affondo al mercato delle criptovalute.

“Non sarei sorpreso di vedere altri legislatori e politici fare lo stesso nelle prossime settimane, mentre avvertono gli investitori sui rischi del trading speculativo o della volatilità del mercato delle crypto”, ha detto.

“La realtà è che stiamo vedendo l’entrata continua di giocatori e investitori istituzionali all’interno di questo spazio e ciò è improbabile che rallenti presto”.

Cosa potrebbe succedere dopo per il Bitcoin?

Le criptovalute sono notoriamente volatili, il che rende quasi impossibile prevedere le tendenze sul lungo termine.

Questa volatilità le rende un investimento rischioso. Si dovrebbe sempre investire quanto ci si può permettere di perdere.

Nonostante il recente crollo, Bitcoin ha ancora goduto di una crescita molto forte al 2021. È cresciuto di circa il 35% in più rispetto all’inizio dell’anno, e vale quattro volte rispetto ad ottobre.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.