Rallenta la crescita economica britannica pur in presenza di una spinta ai ristoranti

Nel mese di agosto il Regno Unito ha proseguito la ripresa dell’economia, che è cresciuta del 2,1%, in quanto il progetto “Eat Out to Help Out” ha rafforzato i ristoranti.

Tuttavia, il dato è stato inferiore rispetto alle aspettative e l’economia è tuttora inferiore del 9,2% rispetto a quando la peste ha colpito l’economia.

Questa ha segnato il quarto, consecutivo, mese di sviluppo, dopo il crollo dovuto al blocco del coronavirus.

Comunque, la crescita in agosto era più lenta rispetto ad agosto, sia a sei mesi a giugno che a luglio.

La crescita dell’economia è cresciuta dell’8,7% a giugno e del 6,6% a luglio.

Quali saranno le probabili conseguenze?

Stando agli analisti, nei primi mesi dell’anno si prospetta un ulteriore rallentamento della crescita per effetto delle nuove misure di contenimento di Covid, della fine del blocco in ottobre e della crisi di Brexit, che non è stata risolta in modo soddisfacente.

“Siamo stati chiaro che eravamo pronti a fare di più, come necessario”, ha detto un portavoce del Tesoro. “Alcune società saranno colpite dall'”effetto coronavirus” più a lungo di altri e noi continueremo a fornire il nostro aiuto a queste società in modo appropriato”.

Il Cancelliere Rishi Sunak prevede di annunciare successivamente, venerdì, ulteriori misure di aiuto per il coronavirus, tra cui un ampliamento del Job Support Scheme per le ditte colpite dal blocco locale.

La rinascita dell’economia dopo le crisi pandemiche è rallentata in agosto, nonostante lo stimolo di Eat Out to Help Out in un momento in cui c’erano poche limitazioni sociali.

E’ certamente finita la recessione tecnica ufficiale – ovvero due trimestri consecutivi di calo del Pil – e ciò sarà confermato il mensile prossimo. Ma un valore inferiore alle prospettive di crescita nel mese di agosto fa ben sperare per il fatto che la ripresa si stia affievolendo e che si stia addirittura verificando un’inversione di tendenza nell’ultimo trimestre dell’anno in corso.

Queste cifre rafforzano la posizione di quei gruppi di business che si battono per un ulteriore aiuto, soprattutto perché le tensioni sociali si stanno rafforzando e non indebolendo. La primissima fase è arrivata dal rettore Rishi Sunak nel pomeriggio di venerdì.

Il mese prossimo anche i rappresentanti della Banca centrale inglese reagiranno in un incontro per la definizione delle sue politiche. I dati più recenti mostrano però che, anche se il primo rimbalzo della congiuntura è stato raggiunto con relativa rapidità, la completa ripresa richiederà tempo molto più lungo e sarà tutt’altro che scontata. Sara’ un inverno difficile.

Come appare il quadro generale?

L’Ufficio Nazionale di Statistica (ONS) ha dichiarato che settori chiave dell’economia, come i servizi e costruzioni, sono ancora sensibilmente più piccoli che a febbraio.

L’ONS ha rilasciato anche i dati relativi al periodo fino ad agosto, che indicano una crescita dell’8% nel periodo rispetto al trimestre antecedente, in quanto le misure di blocco si sono ridotte ulteriormente.

“L’economia si è ripresa in agosto, ma in modo meno netto rispetto agli ultimi mesi”, ha sottolineato Jonathan Athow, il vice nazionale statistico dell’ONS per lo statistico economico.

“C’è stata inoltre una forte progressione nei ristoranti e gli alloggi grazie all’allentamento delle leggi di blocco, allo schema Eat Out to Help Out e alle scelte delle persone per i soggiorni estivi”. Ma molte altre parti del servizio hanno registrato una lenta crescita.

“Anche i lavori di costruzione hanno registrato una ripresa, con una significativa spinta da parte dell’edilizia abitativa”.

Ha inoltre aggiunto che c’è stata una una “crescita limitata” del settore manifatturiero, con la produttività di auto e aeroplani ancora più bassa rispetto all’inizio dell’anno.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.