Secondo Vitalik Buterin, Uniswap deve trasformarsi in un oracle token

UNI, il token nativo di Uniswap, potrebbe incrementare i suoi utili trasformandosi in un prezioso oracle per le stablecoins, stando al cofondatore di Ethereum, Vitalik Buterin.
In una proposta inviata alla piattaforma di governance di Uniswap, Buterin ha affermato che l’ecosistema di una finanza decentrata di successo, o DeFi, si basa su un “un oracle prezioso altamente sicuro”, osservando che i stablecoin algoritmici, synthetic assets e i prestiti garantiti dipendono tutti dagli oracle. Tuttavia, il problema è che Uniswap al momento non fornisce un oracle per il valore del token ERC-20 nel senso più profondo.

“Questo è un problema”, spiega Buterin, il quale aggiunge: “Le stablecoin algoritmiche hanno bisogno di un oracolo per il fiat asset al di fuori della chain, il dollaro, e non una qualsiasi istanziazione sulla chain del dollaro”.

Il suo suggerimento:

“Raccomando a Uniswap e all’UNI token di intervenire e fornire un oracle del genere (ad esempio modellato su una struttura simile ad Augur o UMA), specializzato nel fornire dati sui prezzi, che sia resistente e altamente costoso per essere manipolato e attaccato”.

Sebbene Chainlink sia utilizzato da numerosi progetti, il fornitore leader di oracle sarebbe meglio servito con una “alternativa più minimalista, che sia più incentrata sull’ottimizzazione degli incentivi e sulla massimizzazione del costo di un attacco”. L’UNI è in posizione primaria per essere complementare a Chainlink, ha affermato.

Uniswap apporta valore aggiunto per molte ragioni, non da ultimo il suo grande market cap. Come ha fatto notare Buterin, Uniswap e Chainlink sono i due più importanti progetti basati su Ethereum. Curiosamente, Uniswap ha recentemente superato Chainlink come il più importante protocollo DeFi, con una capitalizzazione di mercato totale per UNI di 22 miliardi di dollari. LINK, intanto, è valutato a 20,1 miliardi di dollari.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.