Bitcoin sorpassa l’oro nella competizione fra i beni rifugio

Mentre il valore del Bitcoin (BTC) si riavvicina a 59.000 dollari, il suo valore relativo rispetto a quello dell‘oro sta raggiungendo il livello massimo di sempre, indicando, probabilmente, la comparsa di una nuova riserva di valore preferita.

Confrontato con l’oro, il prezzo di Bitcoin ha raggiunto martedì le 34,94 once. La comparazione tra  BTC  e oro ha raggiunto il picco di 35,35 once lo scorso 13 marzo, mentre Bitcoin ha oltrepassato i 61.000 dollari.

La quotazione del Bitcoin in rapporto all’oro sarebbe più che duplicata durante gli scorsi tre mesi, ed è cresciuta quasi di sette volte da ottobre 2020.

Nel frattempo, i futures dell’oro sono precipitati di nuovo martedì sotto i 1.700 dollari ad oncia troy sul Comex, la sezione del Mercantile Exchange di New York. La quotazione è crollata a 1.676,50 dollari, toccando un livello di ribasso per 3 settimane. Dal picco sopra i 2.050 dollari all’oncia troy nel mese di agosto 2020, il lingotto ha corretto di circa il 18%.

Il 2020 è stato un ottimo anno per l’oro, perché il prezzo del metallo giallo ha stabilito nuovi record storici in tutte le valute principali, prima di crollare nuovamente, per la prima volta, a 2.000 dollari americani. Il lingotto ha concluso con un guadagno di circa il 22%. Tuttavia, questo dato impallidisce considerando la crescita del rendimento annuo di Bitcoin, pari al 265%.

In seguito al recente pacchetto di stimolo di 1,9 milioni di dollari che ha alimentato il timore dell’inflazione, assets come l’oro e il Bitcoin dovrebbero, in teoria, ottenere dei buoni risultati in quanto gli investitori hanno protetto i loro crediti contro il dollaro in declino. Comunque, la recente crescita di rendimenti dei bond potrebbe togliere un po’ di brillantezza all’oro.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.