Dopo che gli investitori ingenui hanno abbandonato il settore delle criptovalute, le frodi sono diminuite del 65%

Secondo una nuova analisi sull’argomento, nel 2022 il numero di vittime di truffe con le criptovalute si è ridotto. Ciò è dovuto al fatto che i prezzi degli asset digitali sono scesi e gli investitori inesperti hanno abbandonato il mercato.

Chainalysis ha dichiarato martedì che il reddito annuale delle truffe di criptovalute è stato di 1,6 miliardi di dollari, con un calo del 65% rispetto allo stesso periodo dell’anno precedente. Sembra esserci un collegamento tra questo calo e la diminuzione del valore di diverse criptovalute.

Dall’inizio del 2022, il valore del Bitcoin è generalmente diminuito, il che ha comportato un calo dei guadagni generati dalle truffe. […] non solo il reddito generato dalle truffe è diminuito, ma il numero complessivo di individui che hanno contribuito a schemi finora nel 2022 è al livello più basso degli ultimi quattro anni.

L’autore del rapporto, Eric Jardine, che è anche responsabile della ricerca sui crimini informatici presso la società di analisi blockchain Chainalysis, afferma che gli investitori in criptovalute sono più suscettibili di cadere nelle truffe durante i mercati toro, che si verificano quando le opportunità di investimento e i rendimenti gonfiati su tali investimenti sono al massimo.

Jardine sostiene che i periodi di aumento dei prezzi sono caratterizzati da un aumento del numero di nuovi utenti di criptovalute, meno esperti e quindi più suscettibili alle truffe. Secondo i risultati della ricerca, i dati sono falsati da truffe come PlusToken 2021 e Finiko, che hanno fatturato un totale di 3,5 miliardi di dollari.

Jardine, invece, osserva che la più grande frode del 2022 ha raccolto solo 273 milioni di dollari fino a questo momento. Questa frode è collegata al sito web di investimenti in cannabis JuicyFields.io, che avrebbe bloccato gli investitori dai loro clienti sul loro servizio di “e-growing” incentrato sulla cannabis. Jardine ritiene che sia la più grande truffa del 2022 fino a ora.

Jardine sottolinea il fatto che gli hacking basati sulle criptovalute sono aumentati del 58,3% fino a luglio 2022, raggiungendo 1,9 miliardi di dollari, nonostante il fatto che il reddito complessivo delle truffe sia diminuito quest’anno. L’assalto al ponte Nomad, iniziato il 1° agosto e costato 190 milioni di dollari, non viene nemmeno preso in considerazione.

Jardine ritiene che la causa principale del problema sia la proliferazione delle applicazioni finanziarie decentralizzate (DeFi) nell’anno 2021.

È stato suggerito che “i protocolli DeFi sono particolarmente vulnerabili all’hacking, poiché gli hacker possono studiare il loro codice open source nei minimi dettagli alla ricerca di punti deboli”. [Citation needed]

Tuttavia, come ha sottolineato Jardine, non sono tutte cattive notizie, perché queste debolezze possono “essere utili per la sicurezza, in quanto consentono di verificare il codice” e perché i linguaggi di programmazione dei contratti intelligenti come Solidity sono ancora agli inizi.

Secondo la ricerca, circa la metà di tutte le criptovalute ottenute attraverso le violazioni è stata attribuita a organizzazioni cibernetiche d’élite nordcoreane come il Lazarus Group.

Inoltre, Jardine ha menzionato che i guadagni provenienti dai mercati darknet sono diminuiti del 43% nel 2022, in parte a causa del fatto che i server appartenenti alla darknet russa Hydra Marketplace sono stati chiusi dalle autorità tedesche il 5 aprile.

Per coloro che non ne sono a conoscenza, i mercati darknet sono mercati online illegali in cui le persone scambiano beni e servizi illegali in cambio di criptovalute.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.