La promozione dei NFT da parte di 19 celebrità, tra cui Justin Bieber e Paris Hilton, è stata smascherata

Il gruppo di vigilanza Truth in Advertising (TINA.org) ha affermato che 19 personaggi famosi hanno promosso progetti NFT senza rivelare alcun legame con i token.

L’organizzazione di difesa dei consumatori ha dichiarato sul suo sito web di aver indagato “sulle celebrità che sostengono i token non fungibili (NFT) su varie piattaforme di social media” e ha scoperto che “si tratta di un settore pieno di disonestà”.

Numerosi personaggi famosi, tra cui Gwyneth Paltrow, Floyd Mayweather, Tom Brady, Eminem, Snoop Dog e altri, hanno ricevuto lettere in cui si legge: “Il promotore di solito non rivela un legame significativo con l’azienda NFT approvata”.

Gli NFT (certificati digitali conservati sulla blockchain che verificano la proprietà di un bene digitale o fisico, in genere un’opera d’arte) sono spesso oggetto di sponsorizzazione e marketing da parte di celebrità per progetti di alto profilo.

TINA.org sostiene di aver inviato l’8 agosto delle lettere alle celebrità in cui esprime le proprie riserve e le avverte delle potenziali conseguenze negative della vendita di NFT al pubblico, ma non è stata intrapresa alcuna azione legale.

Secondo le lettere, uno dei problemi principali delle organizzazioni è che gli investitori non vengono avvertiti dei rischi associati all’investimento in beni digitali altamente speculativi.

Le celebrità Justin Bieber e Reese Witherspoon sono state contattate da TINA.org il 10 giugno per aver sostenuto gli NFT sui social media senza rivelare alcuna associazione con le campagne. In una risposta del 1° luglio, il team legale di Bieber ha negato le accuse e ha promesso di far rimuovere i contenuti.

Il team legale di Witherspoon ha contattato TINA.org il 20 luglio, dichiarando che l’attrice non trae alcun profitto dal suo sostegno alle NFT.

TINA.org ha pubblicato un articolo sul proprio sito web in cui si ipotizza che le celebrità sopra citate possano violare gli standard della FTC relativi agli influencer e all’uso di approvazioni e testimonianze nella pubblicità.

I membri dell’organizzazione sono incoraggiati a visitare il sito web della FTC, dove si afferma che i sostenitori devono rendere note le connessioni materiali con gli inserzionisti in modo “chiaro e visibile”.

Tuttavia, non sono ancora stati documentati episodi di alto profilo di celebrità punite per aver sostenuto le NFT o le criptovalute. Anche se sono in corso diverse azioni legali collettive, le più note sono quelle intentate contro Elon Musk per il suo sostegno a Dogecoin e Mark Cuban per la sua sponsorizzazione dei prodotti cripto di Voyager.

Altre celebrità, come Matt Damon, hanno suscitato un notevole clamore quando sono apparse in una pubblicità di prodotti cripto, e l’attore è stato deriso e messo in imbarazzo per il suo coinvolgimento. Nel 2017, la Securities and Exchange Commission (SEC) degli Stati Uniti ha scritto un articolo in cui metteva in guardia gli investitori dalle ICO sostenute da celebrità.

Gli investitori dovrebbero ricordare che gli endorsement delle celebrità, nonostante la loro apparente indipendenza, possono in realtà far parte di una promozione a pagamento. “Spesso [la celebrità] non ha l’esperienza necessaria per garantire che la transazione sia appropriata e conforme alle normative federali sui titoli”, scrive il New York Times.

La Securities and Exchange Commission (SEC) ha avvertito che potrebbe essere contro la legge che le celebrità e gli influencer utilizzino i social media per incoraggiare l’acquisto di azioni o altri beni senza dichiarare la natura, l’origine e l’importo di qualsiasi compenso ricevuto in cambio.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.