È possibile che sia il Congresso a determinare il futuro delle giurisdizioni cripto

Un membro dello staff della Senatrice statunitense Cynthia Lummis ritiene che il Congresso dovrà intervenire se la disputa tra la Securities and Exchange Commission (SEC) e la Commodity Futures Trading Commission (CFTC) su chi regola le criptovalute non potrà essere risolta internamente.

L’anno 2014 segna l’inizio della crisi quando la CFTC ha riconosciuto ufficialmente la valuta virtuale come classe di attività separata. Successivamente, nel 2018, la Corte Federale degli Stati Uniti ha convalidato questo riconoscimento, affermando che la CFTC ha giurisdizione sui casi penali di frode che coinvolgono la moneta virtuale.

È stata la prima volta che è stato dichiarato per vie ufficiali. D’altra parte, la SEC è stata finora il principale regolatore degli scambi di criptovalute e degli asset di criptovalute situati negli Stati Uniti.

Mercoledì è stato presentato il Digital Commodities Consumer Protection Act of 2022, sponsorizzato dalla Senatrice Debbie Stabenow del Michigan e dal Senatore John Boozman dell’Arkansas (DCCPA). Se la proposta dovesse essere approvata dal Congresso degli Stati Uniti e ricevere la firma del Presidente, la CFTC avrebbe la giurisdizione per regolamentare le materie prime digitali.

In particolare, il Bitcoin (BTC) e l’Ether (ETH) verrebbero relegati allo status di commodity ai sensi del DCCPA, anziché a quello di titoli. Gary Gensler, Presidente della Securities and Exchange Commission, ha rilasciato un’intervista al canale di notizie economiche CNBC negli Stati Uniti e ha affermato di essere a suo agio nel classificare il Bitcoin come una commodity solo nelle seguenti circostanze:

“Alcuni, come il Bitcoin – e questo è l’unico di cui parlerò perché non ho intenzione di parlare di nessuno di questi token”, ha continuato “sono stati descritti come commodity dai miei predecessori e da altri.”

Nonostante questo, un membro dello staff di Lummis ritiene che ci sia meno del cinquanta per cento di probabilità che la proposta del DCCPA venga attuata quest’anno, perché ci vorrebbe un evento catastrofico come un cigno nero, come la chiusura di una delle principali borse statunitensi, perché una delle due misure riesca a passare attraverso la legislatura.

Secondo Lummis, ogni borsa di criptovalute con sede negli Stati Uniti è sottoposta a qualche controllo, compresa Coinbase, che è stata al centro di un’indagine della SEC

Il test di Howey determina se una transazione commerciale costituisce un contratto di investimento ai sensi delle leggi degli Stati Uniti (sicurezza). Secondo il test, un investimento finanziario costituisce la creazione di un contratto di investimento vincolante “quando il denaro investito in un’impresa comune con la ragionevole aspettativa di guadagni da ricavare dagli sforzi di altri.”

Se l’ETH o qualsiasi altra criptovaluta soddisfa questi criteri, gli scambi di criptovalute con sede negli Stati Uniti violerebbero la legge. La SEC ha recentemente aggiunto nove diversi criptoasset alla sua lista di titoli.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.