In crescita del 1.460% da un anno all’altro, Cardano è ancora un buon investimento?

Con un mostruoso rally del 131% solo nell’ultimo mese, i token ADA di Cardano (CRYPTO:ADA) sono diventati la terza criptovaluta più grande del mondo. Ma sarei molto cauto prima di saltare nel rally.

I primi investitori si sono arricchiti rapidamente con Cardano. Lo stesso non si può dire per quelli che sono arrivati tardi alla festa. Diamo un’occhiata al motivo per cui è da tempo necessario un pullback, prima che continui il suo slancio.

Mancanza di adozione

La rete Cardano è stata creata per rivaleggiare con quella di Ethereum (CRYPTO:ETH). Tuttavia, tenete a mente che anche se il market cap completamente diluito del token ha superato i 124 miliardi di dollari, la fondazione dietro ADA deve ancora assicurarsi partnership significative. Il governo etiope ha annunciato che avrebbe collaborato con la Cardano Foundation per sviluppare una tecnologia blockchain per monitorare le prestazioni degli studenti nelle scuole locali durante il secondo trimestre. Questo è tutto in termini di adozioni importanti. Seppur vero che la recente quotazione di ADA sulle borse giapponesi ha stimolato l’interesse degli investitori, questo non comporta molto in termini di miglioramento dell’utilità del token.

Gli investitori stanno probabilmente scommettendo sul successo diffuso di Cardano con il suo prossimo hard fork Alonzo. Entro il mese prossimo, chiunque sarà in grado di sviluppare ed eseguire contratti intelligenti sulla blockchain di Cardano o costruire applicazioni decentralizzate (dapps).

Difficile stare al passo con l’innovazione

Ma badate che Cardano non opera nel vuoto iperbarico. Le nuove tecnologie lo stanno rapidamente raggiungendo. Per esempio, in una rara dimostrazione di solidarietà, i miners di Bitcoin di tutto il mondo hanno concordato l’aggiornamento del protocollo Taproot, che porterà funzionalità di contratto intelligente alla sua rete entro novembre. Questo è stato il primo aggiornamento della rete da quattro anni a questa parte.

Ancora più cruciale, rimane la capacità di Cardano di sconvolgere la rete Ethereum, una partita ancora tutta da vedere. Su più di 3.000 dapps in circolazione, 2.832 sono costruiti sulla rete Ethereum al momento in cui scriviamo. Essi vanno dal gioco online alle piattaforme di social media, passando per gli scambi decentralizzati e altro ancora. Le dapps Ethereum vantano più di 100.000 utenti attivi giornalieri e facilitano 4.860 contratti intelligenti ogni giorno, pari a 614,8 milioni di dollari in un periodo di sole 24 ore. Inoltre, 15 altri importanti token dapp, come EOS e Neo, sono in competizione per la stessa quota di mercato con Ethereum – quindi non sarà sicuramente un percorso dritto verso la vittoria allorché ADA verrà gettato nella mischia.

Ethereum sta tornando in auge

Per un bel po’ di tempo, Cardano ha avuto tempi di transazione veloci (circa 10 minuti) con commissioni basse (meno di 1$) che lo hanno fatto sembrare una soluzione solida come alternativa ai tempi della rete assai lenta di Ethereum. Sfortunatamente, non è più così. Quest’ultimo ora convalida le transazioni entro cinque minuti e fa pagare circa 5 dollari per transazione. Inoltre, come Cardano, Ethereum ha anche la possibilità di creare token nativi (asset personalizzati) sulla sua blockchain. Inoltre, perfino il suo vantaggio energetico sta rapidamente diminuendo. Cardano usa meno dello 0,01% dell’energia usata nel mining di Bitcoin. Ma Ethereum prevede di passare ad una configurazione proof-of-stake come quella di Cardano entro la fine del prossimo anno, il che ridurrebbe il suo uso di energia di oltre il 99%.

Attenzione all’acquirente

La mentalità da branco di investitori “compra le voci, vendi le notizie” è piuttosto dilagante nel regno delle criptovalute. A maggio, Dogecoin è stato testimone di un rally mostruoso provocato dal CEO di Tesla Elon Musk – colloquialmente conosciuto come il Dogefather – il quale ha menzionato Dogecoin durante la sua apparizione al Saturday Night Live. La moneta ha successivamente perso il 30% del suo valore in poche ore dopo che gli investitori sono rimasti delusi dal fatto che Musk non ha fatto abbastanza pubblicità alla moneta durante lo show. Ho la premonizione che un evento simile accadrà con i token ADA, quando il fork Alonzo di Cardano sarà attivo. Nel complesso, è meglio aspettare che il valore dei progetti sulla rete Cardano raggiungano il suo market cap prima di aprire una partecipazione nella promettente criptovaluta. Ora è probabilmente un buon momento per racimolare profitti.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.