L‘ex funzionario dell’OCC afferma che la criptovaluta ha un sostegno, mentre il dollaro ‚potrebbe non averlo‘

La crypto del co-fondatore di Apple guadagna oltre il 1.300% in pochi giorni dal lancio

Brian Brooks l’ex revisore provvisorio del Controllo della Moneta, ha sostenuto che le criptovalute quali Bitcoin (BTC) hanno qualche sostegno, ma che il dollaro potrebbe non averlo.

Brooks ha espresso le sue considerazioni in occasione di un’intervista a Squawk Box della CNBC, insieme a Joseph Kernen per esaminare le osservazioni recentemente fatte sul Bitcoin da parte del segretario della Riserva Federale americana Jerome Powell. Ad inizio settimana, Powell ha affermato che le crypto simili al Bitcoin siano “sostanzialmente un surrogato dell’oro”, ma al tempo stesso che non siano “supportate da nulla”.

Kernen, presentatore di CNBC, ha evidenziato che storicamente l’oro è stato considerato una riserva di valore, manifestando la sua confusione riguardo ai commenti di Powell, dichiarando. “[Powell] ha detto che è simile all’oro, ma non è una riserva di valore. Non ritiene  che l’oro sia una riserva di valore?”.

Come risposta, Brooks ha affermato che esistono molte ragioni per le quali le persone si siano riversate sul Bitcoin nel corso dell’ultimo anno, compresa la Federal Reserve che ha incrementato notevolmente la fornitura di dollari. “Quando si fa così, significa anche che il dollaro è almeno per il 40% di meno una buona riserva di valore di quanto lo fosse un anno fa. E questo è uno dei motivi per il quale le persone scelgono il BTC”, ha affermato.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.