Perché Bitcoin, Ethereum, Dogecoin e XRP oggi sono in rialzo

Bitcoin (CRYPTO:BTC), l’antesignano del movimento delle valute digitali, è in crescita dell’1% nelle ultime 24 ore, secondo i dati di Coindesk.

XRP (CRYPTO:XRP), il token strettamente associato a Ripple, si attesta un po’ più in alto all’1,9%.

Dogecoin (CRYPTO:DOGE) sta guadagnando il 2,3%.

Infine Ethereum (CRYPTO:ETH) è in testa al gruppo, con un aumento del 3,2%.

E così sembra che i prezzi delle criptovalute, crollati in grande stile all’inizio di questa settimana dopo che El Salvador ha dato il via al suo lancio, un po’ pasticciato, di Bitcoin come moneta nazionale, sono lievemente in rialzo giovedì, forse per via di notizie migliori provenienti da un altro paese – l’Ucraina.

Come riporta questa mattina il Kyiv Post dell’Ucraina, il parlamento del paese ha appena approvato una legge che, se firmata dal presidente Volodymyr Zelensky, legalizzerà la produzione, la proprietà e l’uso di valute digitali in Ucraina per gli investimenti, e regolerà il mercato locale delle criptovalute per proteggere i suoi utenti dalle frodi. La legge dovrebbe entrare in vigore nel 2022, ma richiederà prima una legge attuativa per modificare il codice civile e il codice fiscale dell’Ucraina, così come una nuova legge che istituisca un registro statale delle operazioni di estrazione delle criptovalute.

Da notare anche che la legge specificamente non autorizza l’uso delle criptovalute come valuta legale. Solo la grivna ucraina può essere utilizzata per questo.

A parte questo avvertimento, il ministro ucraino della trasformazione digitale Mykhailo Fedorov nota che “solo pochi paesi al mondo hanno legalizzato le criptovalute – Germania, Lussemburgo, Singapore [e ora] l’Ucraina sarà uno di loro”. Fedorov sostiene che stabilendo “condizioni favorevoli” nel paese, l’Ucraina stia incoraggiando gli imprenditori a registrarsi nel suo territorio invece che altrove. “Gli imprenditori pagheranno le tasse sul bilancio, ma saranno protetti dallo stato”, ha detto.

Questa è la frase su cui penso gli investitori dovrebbero concentrarsi al momento. Secondo la CNBC, l’Ucraina è ora “il quinto paese in altrettante settimane a stabilire alcune regole di base per il mercato delle criptovalute”, aggiungendo che oltre a El Salvador che ha istituzionalizzato Bitcoin come moneta nazionale questa settimana, Cuba ha approvato una legge “per riconoscere e regolare le criptovalute” due settimane fa, Panama sta lavorando su una legge sulle criptovalute, e anche gli Stati Uniti hanno fatto un passo in questa direzione menzionando le criptovalute nella nuova legge sulle infrastrutture da 1000 miliardi di dollari.

Penso che non sia una coincidenza che negli Stati Uniti, come in Ucraina, uno dei principali interessi del governo sulle criptovalute sembri essere capire come tassarle. Più paesi decidono che la criptovaluta è una vacca da mungere e una minaccia per le loro valute, più la criptovaluta diventerà popolare a livello internazionale.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.