Perché Bitcoin, Ethereum e Dogecoin sono scesi questa settimana

Bitcoin (CRYPTO:BTC), Ethereum (CRYPTO:ETH) e Dogecoin (CRYPTO:DOGE) sono scesi rispettivamente del 9,38%, del 14,56% e del 17,44% negli ultimi sette giorni alle 9:00 a.m. EDT. Vengono attualmente scambiati rispettivamente a 46.000,54 dollari, a 3.378,97 dollari e a 0,2479 dollari per token.

Dopo un recupero bull record, le criptovalute stanno assistendo ad una significativa stanchezza in mezzo a più controlli normativi, lotte interne e “rotazione altcoin”, che è simile alla rotazione settoriale per le azioni.

Quando il market cap di Bitcoin si è avvicinato a 1 trilione di dollari, sia il governatore Stefan Ingves della Riksbank (Banca Centrale) svedese che il governatore Alejandro Diaz della Banca del Messico, hanno criticato la valuta come mezzo di scambio stabile, facendo riferimento alla sua significativa volatilità di trading.

Per quanto riguarda Ethereum, la moneta è testimone di una “guerra civile” su bassa scala, innescatasi dopo che la rete è diventata sempre più ostile ai miners per via del desiderio del suo co-fondatore, Vitalik Buterin, di ridurne il consumo energetico.

Su un totale di circa 9.000 nodi Ethereum, o computer che eseguono il software per mantenere il libro mastro pubblico in ordine, 6.500 sono scomparsi dalla rete nelle ultime due settimane. Hanno probabilmente hard-forked e sono migrati su una nuova chain insieme a un sottoinsieme di miner insoddisfatti.

Infine, Dogecoin sta affrontando una grande incertezza dopo che il presidente della Financial Conduct Authority del Regno Unito, Charles Randell, ha preso di mira influencer celebri come Kim Kardashian per la promozione di altcoin ad alto rischio, che potrebbero benissimo rivelarsi truffe.

Dogecoin è una delle monete alternative più promosse, propagandata da celebrità come il CEO di Tesla, Elon Musk, e il proprietario miliardario dei Dallas Mavericks, Mark Cuban. Inoltre, una moneta concorrente meme chiamata Wifedoge sembra aver distolto l’attenzione degli investitori recentemente con il suo improvviso aumento.

Infine, tenete a mente che gli investitori hanno tirato fuori fondi dalle principali criptovalute per tutta la settimana per partecipare alla mania di Solana (CRYPTO:SOL). Il token delle applicazioni decentralizzate è salito a circa 200 dollari al pezzo, dai circa 1,50 dollari all’inizio dell’anno.

Il market cap complessivo delle criptovalute è quasi raddoppiato dal loro nadir a maggio, ed è da tempo in attesa di una ripresa.

Anche se le innovazioni blockchain, come lo spazio della finanza decentralizzata, stanno rapidamente guadagnando trazione e possono crescere fino a 800 miliardi di dollari l’anno prossimo, ci può volere un po’ di tempo perché il mercato decolli di nuovo. Quindi considerate di comprare, nel frattempo, in un momento di ribasso.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.