Perché le criptovalute oggi sono colate a picco

Le criptovalute hanno avuto un inizio di settimana molto duro lunedì, alcune sono scese del 10% o più. C’è generalmente un commercio “risk-off” in corso, nel quale gli investitori vendono beni ad alto rischio per acquistare beni più stabili, e questo tende a danneggiare in modo sproporzionato le criptovalute. C’è anche un po’ di paura circa il fatto che i mercati finanziari stiano affrontando una crisi incombente, e se questo porta al crollo dei valori degli assets, comprese le criptovalute, gli operatori potrebbero andare nel panico o essere costretti a vendere a causa delle chiamate di margine, causando un impatto a cascata sul mercato.

A partire dalle 10:30 EDT, Bitcoin (CRYPTO:BTC) è sceso del 7,6% nelle ultime 24 ore, Ethereum (CRYPTO:ETH) è sceso dell’8,9%, Solana (CRYPTO:SOL) è sceso del 10,5% e Cardano (CRYPTO:ADA) è andato giù dell’8,6%. Le criptovalute più piccole sono scese ancora più in basso, perciò il calo è diffuso nell’intero settore delle criptovalute.

Il mercato azionario in generale è in forte calo lunedì mattina, mentre gli investitori soppesano il rischio di fronte ai valori degli asset. Una società chiamata China Evergrande Group, un costruttore immobiliare, dovrebbe non riuscire, questa settimana, a effettuare i pagamenti degli interessi sul debito, e con 300 miliardi di dollari di passività per la società, ci potrebbe essere un impatto a cascata sui mercati finanziari.

Un’insolvenza di una grande azienda come Evergrande potrebbe indurre gli investitori a ritirarsi dall’investire in debito o in azioni nel settore immobiliare cinese, il che potrebbe avere un impatto sui mercati del debito e delle azioni negli Stati Uniti: il crollo di una società provoca un effetto domino in tutti i mercati finanziari, influenzando sia i valori che la liquidità (o la disponibilità di vendere rapidamente) degli asset finanziari. Paragoni come questo possono essere, in questo momento, pure speculazioni, ma gli investitori sono certamente a disagio per via del fatto che le valutazioni sono salite troppo in alto troppo velocemente, e qualche tipo di evento causerà un crollo dei mercati prima o poi, quindi grandi reazioni a notizie come quella di Evergrande non è sorprendente.

Su una nota più incentrata sulle criptovalute, il New York Times ha riportato questo fine settimana che il Financial Stability Oversight Council potrebbe considerare le stablecoin (che sono legate a una valuta reale come il dollaro statunitense) sistematicamente rischiose. Questo li sottoporrebbe ad una regolamentazione, che potrebbe influenzare drammaticamente il mercato delle stablecoin.

La realtà per le criptovalute è che oggi sono beni di scambio per gli investitori, piuttosto che delle utilities. E questo significa che quando i mercati scendono, probabilmente vedremo scendere anche i prezzi delle criptovalute. Questo è esattamente quello a cui stiamo assistendo oggi.

Quello che non sappiamo è se ci sarà un qualche tipo di ripresa dei prezzi delle criptovalute. Se c’è davvero un qualche tipo di crisi finanziaria all’orizzonte, mi preoccupo che i beni stabili come il dollaro americano saranno il bene rifugio sicuro, non le criptovalute che non hanno ancora molta utilità.

Inoltre non sappiamo come il mercato delle criptovalute reagirà in un momento di crisi. Gli investitori si faranno prendere dal panico, causando chiamate di margine per alcuni e vendite continue? Data la volatilità dei prezzi delle criptovalute nell’ultimo anno, penso che vedremo oscillazioni selvagge dei prezzi se i mercati finanziari saranno minacciati. Se ciò è vero, questo potrebbe non essere l’ultimo grande calo che osserveremo quest’anno per le criptovalute.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.