Robinhood sostiene che Dogecoin ha rappresentato il 34% delle entrate di Crypto Trading nel Q1

Robinhood sostiene che Dogecoin (DOGE) è stato responsabile di oltre un terzo delle sue entrate nel corso del primo trimestre di quest’anno. Il popolare broker online di azioni e criptovalute ha avvertito che i suoi profitti potrebbero diminuire se il trading della nota moneta da compagnia dovesse diminuire.

Robinhood sta progettando di quotarsi presto in borsa, e la sua offerta pubblica iniziale (IPO) contiene diverse informazioni utili per gli investitori di criptovalute.

1. Robinhood ha guadagnato quasi 30 milioni di dollari nel Q1 attraverso il trading di Dogecoin

Dogecoin ha dominato i titoli dei giornali quest’anno, dopo che il prezzo della moneta è aumentato da 0,0047 dollari il 1 gennaio ad un massimo storico di 0,7376 dollari l’8 maggio. Questo è un rialzo di oltre il 15.500%. Quella che è iniziata come una moneta meme, progettata per prendere in giro il modo in cui la gente comprava criptovalute che non capiva, è diventata un fenomeno mondiale.

Le entrate totali del trading di criptovalute di Robinhood nel primo trimestre del 2021 sono arrivate a quasi 90 milioni di dollari. Mentre l’intermediazione ha sette monete disponibili per il trading, Robinhood ha riferito che il 34% delle sue entrate basate sulle transazioni ha avuto come fonte Dogecoin nel primo trimestre del 2021. Questo rispetto al 4% degli ultimi tre mesi del 2020.

I tweet regolari di Elon Musk, che si è soprannominato il Dogefather, hanno giocato un ruolo importante nel successo della moneta. Mentre i critici si preoccupano che la moneta non abbia alcuno scopo, l’attiva comunità di fan di Doge crede che il prezzo possa salire ancora.

Robinhood ha avvertito che se il mercato per Dogecoin dovesse deteriorare senza essere sostituito da un’altra moneta, potrebbe avere un effetto negativo sulla linea di fondo della società.

2. Il patrimonio di criptovalute di Robinhood è aumentato di oltre il 750% dal 2019 al 2020

Secondo Robinhood, più di 9,5 milioni di clienti hanno scambiato oltre 88 miliardi di dollari di criptovalute sulla sua piattaforma nel primo trimestre del 2021. Questo riflette la crescita del trading di criptovalute, così come il successo dell’offerta di trading di criptovalute di Robinhood.

Robinhood, che ha lanciato il suo servizio di criptovalute nel 2018, ha avuto in gestione, nel 2019, 414,7 milioni di dollari in criptovalute. Come si può vedere dalla tabella qui sotto, quella cifra è aumentata esponenzialmente in un solo anno e probabilmente salirà ancora più in alto entro la fine del 2021.

3. Robinhood ha ancora intenzione di lanciare la funzione portafoglio

A marzo, il CEO e co-fondatore di Robinhood, Vlad Tenev, ha promesso ai clienti che la società avrebbe lanciato un portafoglio con depositi e prelievi “il più velocemente possibile”.

Al momento, Robinhood fornisce un servizio di custodia, il che significa che i suoi investitori non possono detenere direttamente i loro beni crypto. Molti investitori di crypto preferiscono tenere i loro beni in un portafoglio non custodiale che possono controllare. Questo riduce il rischio di hacking e rende anche più facile spendere o scambiare criptovalute.

Il documento di deposito di Robinhood ribadisce l’impegno del broker a dare agli utenti la piena funzionalità del portafoglio. Spiega anche alcune delle sfide coinvolte nel mantenere questa promessa. Queste includono l’aumento dei requisiti normativi, lo sviluppo tecnico e l’aumento del rischio di errori.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.