Tre motivi per cui non investirò in Bitcoin per il mio pensionamento

Sono mesi che vado avanti e indietro sull’acquisto di criptovalute. A questo punto, non ne possiedo nessuna, ma sto considerando di investire un po’ di soldi nelle monete digitali. E se dovessi decidere di seguire questa strada, Bitcoin (CRYPTO:BTC) sarebbe un probabile candidato, soprattutto perché lo conosco meglio di altre valute digitali.

Ma sebbene potrei investire un po’ di soldi in Bitcoin nel breve termine, non punterei su di lui per scopi pensionistici. Ecco perché.

  1. Non è stato in giro abbastanza a lungo

Bitcoin esiste da poco più di un decennio. Ma francamente, quando confronto questo lasso di tempo con la quantità di tempo che alcune delle azioni che possiedo sono state in giro, è una goccia nel secchio.

Molti dei titoli che ho in portafoglio sono in circolazione da molti decenni. Alcuni sono in circolazione da più di un secolo. E questo da solo mi dà un po’ di conforto sul fatto che nel lungo periodo, questi titoli probabilmente avranno un buon rendimento.

Questo non significa che nessuno dei miei titoli perderà valore o avrà un anno cattivo. Ma il fatto che le aziende in cui investo siano state in giro per molto tempo mi fa sentire bene nell’incorporarle nella mia strategia di risparmio pensionistico.

  1. È troppo volatile

Le azioni non sono certo un investimento privo di rischi. Infatti, a coloro che sono in procinto di andare in pensione, viene spesso consigliato di iniziare ad allontanarsi dalle azioni e investire sulle obbligazioni – che sono molto meno vulnerabili alla fluttuazione dei prezzi – alla fine della loro carriera, per evitare di assumere un rischio eccessivo nei loro portafogli.

Detto questo, credo ancora che sia una buona idea per i pensionati avere circa la metà del loro patrimonio in azioni, almeno all’inizio del pensionamento. Ma sento che sia una cosa ben diversa rispetto a Bitcoin, perché ha dimostrato di essere molto più volatile.

  1. Non sono convinto che abbia un potere duraturo

Se Bitcoin non diventa una forma di pagamento ampiamente accettata, il suo valore potrebbe facilmente precipitare al punto in cui non varrà più nulla. In questo momento, è impossibile sapere se Bitcoin diventerà un giorno comune come una valuta stabilita – come il dollaro americano. Ma non è un rischio che sono disposto a correre per la mia pensione.

Sono ben consapevole che la previdenza sociale non mi pagherà abbastanza soldi per assicurarmi la pensione che voglio. E per questo motivo ho deciso non solo di mettere via i soldi in un piano di pensionamento, ma anche di caricare le azioni nel mio conto di intermediazione con l’obiettivo di tenerle fino alla mia età avanzata.

Potrei decidere di comprare Bitcoin uno di questi giorni come investimento a breve termine e vedere come va. Ma non conto su Bitcoin o su qualsiasi altra criptovaluta per finanziare la mia pensione.

In effetti, tutti i soldi che metto in Bitcoin sono soldi che devo dire a me stesso che mi sta bene perdere, se dovesse succedere. Se dovessi adottare questo approccio con i miei risparmi per la pensione, mi preparerei al disastro.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.