Tether ha cambiato il nostro modo di guardare alle criptovalute

Non si tratta di bitcoin o etere, ma di tether, che oggi è la criptovaluta più scambiata. Comunemente denominata USDT, il tether è una valuta stabile, che può essere riscattata in cambio di un dollaro. In altre parole, se uno detiene 100 USDT, può riscattarli per 100 dollari. Fondato nel 2014 da Brock Pierce, Reeve Collins e Craig Sellars, il tether è chiamato ‘stablecoin’ in quanto è ancorato al dollaro USA. La necessità di tether è nata quando è stato difficile per le borse e le aziende detenere valuta sovrana. Per poter detenere fiat money (valuta sovrana) per conto dell’utente, il cambio doveva avere una licenza. La necessità era aggravata dalla necessità per i trader di potersi muovere facilmente tra il cripto e il fiat. E così è stato inventato il tether.

I trader usano il tether come sostituto del dollaro. Può essere facilmente trasferito tra borse o persone, invece di trasferire denaro attraverso le banche. Tether è facile da comprare e vendere ed è disponibile nel luogo in cui si acquistano le criptovalute. Tether è spesso usato anche come un modo per tenere il denaro nelle borse quando i trader ritengono che il mercato sia estremamente volatile.

Per contro, ci sono ancora molte critiche e scetticismo quando si parla di tether. La gente non è sicura se tutto il tether emesso sia sostenuto al 100% dal dollaro USA o meno. Inoltre, di recente, il tether da 33 milioni di dollari è stato congelato a causa dell’hack di KuCoin e questa azione ha dimostrato che il tether è una moneta molto centralizzata, il che è contro la tesi del decentramento dell’ecosistema a blockchian. Detto questo, è ancora il più fidato e il più antico stablecoin dell’ecosistema cripto.

Oggi, ci sono in circolazione oltre 19 miliardi di dollari di tether. Mentre il tether è il più grande e il più antico stablecoin, ci sono più di 40 stablecoin in commercio, molti dei quali sono ancorati a diverse valute sovrane o oro, argento e diritti speciali di prelievo (DSP).

La popolarità del tether ha dato origine ad altre stablecoin, che derivano dal sostegno di varie cose. DAI, è una moneta stabile emessa da MakerDAO. È il primo progetto in assoluto a introdurre la “finanza decentrata”. Ciò significa che i prestiti e tutti i servizi bancari possono essere eseguiti senza bisogno di una banca vera e propria.

Il più grande concorrente è l’USDC, che è emesso da Circle.com. L’emittente sostiene che l’USDC è emesso da istituti finanziari regolamentati ed è sostenuto dal dollaro USA in conti bancari segregati e, a differenza dell’USDT, è anche sottoposto a frequenti e pubbliche verifiche per mantenerne l’integrità. Ciò potrebbe aumentare la popolarità dell’USDC rispetto all’USDT con la recente introduzione di STABLE ACT, un disegno di legge introdotto negli Stati Uniti che richiederebbe agli emittenti stablecoin di acquisire carte bancarie, l’approvazione della Federal Reserve statunitense e di detenere l’assicurazione della Federal Deposit Insurance Corporation (FDIC).

Un uso interessante di stablecoin che esce dal mondo cripto è quello dell’acquisto transfrontaliero di beni e servizi. Molti siti web accettano ora gli stablecoin. Questi variano dallo shopping online agli incontri e al gioco d’azzardo. Simile è l’uso previsto di stablecoin di Facebook, Diem (precedentemente noto come Libra), che dovrebbe essere lanciato nel primo o nel secondo trimestre del prossimo anno.

Almeno possiamo dire con sicurezza che l’USDT ha cambiato il nostro modo di guardare alle criptovalute, all’ecommerce, ai pagamenti, alle banche e persino alle valute sovrane.

Al momento della stesura di questo articolo, la capitalizzazione di mercato di stablecoins è stata di 26,5 miliardi di dollari e sta crescendo.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.